Il Consiglio regionale lombardo ha commemorato Iolanda Nanni e Angela Zerilli

    104

    MILANO –  Il Consiglio regionale, presieduto da Alessandro Fermi, ha aperto i lavori odierni con la commemorazione dell’ex consigliere regionale Iolanda Nanni, scomparsa il 27 agosto dopo una lunga malattia, e di Angela Zerilli, la funzionaria regionale che ha perso la vita nel crollo del Ponte Morandi di Genova. “Iolanda – ha ricordato il Presidente Fermi, rinnovando la vicinanza e cordoglio ai parenti dell’ex consigliera poi deputata– nel corso della scorsa legislatura si è distinta per grande impegno e per la sua generosità e passione nell’affrontare i temi legati al territorio pavese di cui era espressione, in particolare ambiente, trasporti e legalità”.

    E’ stato un onore aver conosciuto Iolanda – ha detto il Consigliere Segretario Dario Violi (M5S) – una donna dal carattere forse difficile ma apprezzata anche dagli avversari politici per la sua dedizione alla politica e alla comunità dei cittadinicombatteva per migliorare le cose. Lo ha fatto sul territorio pavese, in Consiglio Regionale e anche ora che era stata eletta alla Camera. Ci lascia un grande esempio”.  Anche Simone Verni, eletto per il Movimento Cinque Stelle nella circoscrizione di Pavia, come lo fu la Nanni, ha voluto ricordarla:Una guerriera, una leonessa, non si è mai risparmiata, nemmeno nella lotta alla malattia. Dura con gli avversari politici, ma sempre corretta e leale. La politica era la sua missione e amava farla con testa e cuore. Ci teneva sempre a dire, come scriveva sul suo profilo Facebook: siate i politici che vorreste avere”.

    Iolanda Nanni, consigliere regionale lombardo dal 2013 al 2018 per il Movimento 5 Stelle, lo scorso 4 marzo era stata eletta alla Camera dei Deputati. Nel 2009 era stata promotrice del Comitato Pendolari, la prima piattaforma on-line dell’utenza pendolare dell’intero territorio provinciale pavese.

    Angela Zerilli, 58 anni di Corsico, da 8 anni lavorava alla Direzione Generale Cultura di Regione Lombardia. Ha trovato la morte mentre stava raggiungendo l’albergo per trascorrere qualche giorno di vacanza. “Laureata in Bocconi, era specializzata in Finanza aziendale e conosceva 7 lingue, compreso il cinese”, ha detto il Presidente Fermi ricordandola per l’alto senso del dovere, la precisione, la gentilezza e la disponibilità verso tutti. Alla commemorazione, che si è conclusa con un minuto di silenzio, erano presenti familiari, colleghi e collaboratori che hanno condiviso con le scomparse momenti di lavoro e di vita.

    Articolo precedenteAbbiategrasso lancia Tre Cuori, progetto ideato per finanziare il mondo no profit
    Articolo successivoCon la processione Cassinetta di Lugagnano accoglie don Paolo Brambilla