Il Comune di Magenta aderisce a Nidi Gratis per il 2019-2020

    122

     

    MAGENTA – La giunta magentina ha appena deliberato l’adesione della città alla misura Nidi Gratis di Regione Lombardia per l’anno scolastico 2019-2020.

    In sostanza la misura prevede un sostegno alle famiglie attraverso l’erogazione di “buoni servizio” ai soggetti richiedenti, con i quali vengono integrate le agevolazioni tariffarie già previste dai Comuni ed azzerate le rette dovute dalla famiglia, secondo quanto definito in appositi Avvisi pubblici, successivamente definiti e pubblicati.

    I requisiti di ammissibilità per i Comuni interessati ad aderire alla misura Nidi gratis 2019-
    20 sono i seguenti:
    – compartecipare alla spesa per i servizi per la prima infanzia;
    – adottare agevolazioni tariffarie a favore delle famiglie, differenziate in base all’ISEE per la frequenza dei bambini ai servizi;
    – essere titolare in forma singola o associata di asili nido;
    – non avere applicato, per l’annualità 2019-20 aumenti di tariffe rispetto all’annualità 2018-19.

    Dato atto che il Comune di Magenta possiede tutti i requisiti previsti ed è pertanto in grado di
    autodichiarare il possesso degli stessi nella domanda di adesione alla misura, e visti anche gli obblighi previsti in fase di adesione per i Comuni con Regione Lombardia che individuerà i nuclei famigliari a cui assegnare le risorse, i quali, all’atto di presentazione delle domande, dovranno possedere i seguenti requisiti:
    – I.S.E.E. di riferimento inferiore o uguale ad €. 20.000,00;
    – Genitori entrambi residenti in Regione Lombardia;
    – Genitori entrambi occupati o se disoccupati avere sottoscritto un Patto di Servizio
    Personalizzato, ai sensi del D. Lgs. 150/2015, secondo quanto previsto da Regione
    Lombardia.

    Nelle prossime settimane saranno precisati i fondi a disposizione e le modalità per consentire alle famiglie magentine di accedervi.

     

    Articolo precedenteAutonomia, la lettera di Attilio Fontana e Luca Zaia al premier Conte
    Articolo successivoConcessi gli arresti domiciliari a Roberto Formigoni