Il comitato pista ciclabile Magenta-Corbetta: ‘vogliamo che l’opera sia realizzata’

    105

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    Si chiama Comitato pista ciclabile Magenta/Corbetta ed è un gruppo appena nato di
    cittadini di Magenta e Corbetta uniti da un obiettivo: vedere nascere finalmente la ciclabile che unisce le due città

    Magenta, 11 luglio 2019 – Tutti hanno a cuore la mobilità sostenibile. A voce, ma in
    pratica occorrono infrastrutture adatte perché si possa circolare in sicurezza. E qui
    molto spesso le amministrazioni locali arrivano fino a un certo punto. Ecco perché
    servono iniziative dal basso. Da questo intento civico nasce il Comitato pista
    ciclabile Magenta/Corbetta, costituito da un gruppo di cittadini che ha a cuore la
    mobilità e la sicurezza di chi si sposta in bicicletta tra le due città, e che ha così deciso
    di costituire l’ente.

    «Vogliamo farci portavoce, in particolare presso l’Amministrazione comunale di
    Magenta, dell’urgenza di completare il tratto magentino della pista ciclabile che
    unisce le due città lungo la via Casati/Monterosa nei pressi del fontanile Fagiolo, in
    una prospettiva di concreta interlocuzione e partecipazione civica», afferma il
    Comitato.

    IL PROGETTO C’È, MA SI FARÀ?

    Il rischio che rimanga sulla carta è elevato. Il timore è motivato dai continui posticipi
    del progetto, la cui fattibilità, in realtà, è stata approvata già da qualche anno. Da qui
    l’opera di sensibilizzazione sul problema. Sicurezza e ciclabilità, qualche numero
    Perché puntare su una pista ciclabile? Perché la sicurezza è una voce fondamentale
    per chi si muove a piedi e in bici. Qualche numero per capire meglio: in Europa il
    70% delle vittime su strade urbane sono pedoni e ciclisti oltre che motociclisti.
    Da qui si deve partire quindi, sapendo che sono molte le persone che si spostano a
    piedi e in bicicletta anche nella zona. Lungo questo tratto l’incolumità è messa a forte
    rischio dal considerevole aumento del traffico veicolare: «abbiamo rilevato che in
    un’ora di punta nello stretto passaggio del fontanile Fagiolo transitano fino a 900 auto,
    100 bici e 25 moto!», segnala il direttivo del Comitato, che ha eseguito rilevazioni in
    loco il 6 giugno, il 28 giugno e l’8 luglio 2019.

    Cosa vuole il Comitato
    «Vogliamo proteggere innanzitutto i molti studenti che si recano alle scuole
    superiori in bicicletta, anche in orari di scarsa visibilità, con buio e nebbia; ma anche
    gli anziani che vanno a fare la spesa, le famiglie che vogliono farsi un giro in bicicletta
    nel verde, gli utenti della casa di riposo di Corbetta e della piscina di Magenta, oltre
    che i giovani che frequentano i gruppi degli scout o gli oratori nelle due città».
    Da qui la richiesta alle due amministrazioni comunali di prestare adeguato interesse
    anche attraverso un fattivo dialogo: «intendiamo tenere alta l’attenzione, perché il
    progetto venga considerato una priorità, in particolare dall’Amministrazione di
    Magenta e se ne garantisca la copertura economica per la sua realizzazione –
    sottolinea il Direttivo – Per questo ci impegneremo a promuovere iniziative utili a
    sensibilizzare sia l’opinione pubblica, sia gli Organi istituzionali presenti sul territorio,
    anche attraverso attività e manifestazioni di carattere culturale-informativo».

    Tutti i cittadini interessati alla realizzazione della pista ciclabile, anche nel più vasto contesto delle tematiche della sostenibilità ambientale, possono contattarci e aderire al Comitato ai seguenti indirizzi:
    mail:ciclabile.magenta.corbetta@gmail.com

    Seguici su
    Facebook: Comitato pista ciclabile Magenta-Corbetta

    Instagram: pistaciclabilemagentacorbetta

    Articolo precedente‘Chiamaci ancora’, la ricerca di Dario Tonetti sulle storie robecchesi-dimenticate- della Seconda Guerra Mondiale
    Articolo successivoAbbiategrasso e ospedale, Finiguerra torna all’attacco: ‘Servono atti forti come la rottura istituzionale’