NewsStuzzicamenti

Il Capitano NON è nel pantano. Suggestioni sulla strategia salviniana. Da Affaritaliani

Chi crede che Salvini sia stato un pessimo stratega politico dovrebbe ricredersi. E se avesse previsto tutto come un abile regista?

Appare oggi  sul Foglio un interessante articolo a firma Valerio Valentini dal titolo “Il Capitano nel pantano” nel quale, sostanzialmente, si va ripetendo quello che tutti i media stanno dando per scontato in questi giorni. Ossia che Matteo Salvini sia in un vicolo cieco, su una strada che non si aspettava. Facciamo una breve e magari fantasiosa analisi. Ma davvero un leader politico che fa politica da sempre, apre una crisi di governo con degli “alleati” disperati e un’opposizione altrettanto disperata, senza mettere in conto che 30 secondi dopo la massa di ex e futuri disoccupati che riempie il parlamento, non troverebbe un accordo per un “governo di sopravvivenza”? Chi lo crede ritiene forse un po’ ingenuo il Capitano leghista.  

Non è forse che Salvini non vede l’ora di tornare, per un po’ all’opposizione, sgravandosi delle responsabilità di governo e mantenendo quindi l’enorme affetto che gli italiani riservano appunto a chi sa fare opposizione? Il Senatore Renzi qualche giorno fa andava dicendo che la Lega aveva avuto il balzo di voti una volta al governo e non all’opposizione. Ovviamente nessun giornalista ha avuto la pazienza di fare un rapido conto. Salvini al governo è passato dal 17 a più del 30%, salto pazzesco ma meno del doppio. Quando era all’opposizione è passato dal 4% al 17%, ossia una crescita si quasi 5 volte !! Ecco allora che forse vanno riascoltate le parole di Giorgetti qualche giorno fa dal cucuzzolo della montagna dove era andato, “da qui su la situazione è chiarissima”. Ecco esatto, la situazione è forse chiarissima. Salvini all’opposizione, governo dei disperati che durerebbe il tempo di un caffè (se non è durato con un partner come i leghisti che sono un partito stalinista, figuriamoci con quel casino che è il PD) e poi elezioni, plebiscito leghista, Salvini premier. M5S distrutto, PD a pezzi (con Zingaretti debolissimo e Renzi emarginato a causa del suo ruolo nell’accordo con di Maio) il resto non pervenuto.  Tanti saluti. Ma magari invece il Capitano è davvero nel pantano. Non c’è da preoccuparsi, lui la ruspa la sa usare

di Bruce Wayne

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi