I ragazzi del Magenta Calcio e i genitori salutano il loro allenatore: “Ciao Mister Iso! Con te abbiamo imparato tantissimo”

265

MAGENTA – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera dei ragazzi classe 2008/09 del Magenta Calcio che, con i loro genitori, vogliono ringraziare il loro allenatore che, al termine di questa annata sportiva, li lascerà perché dovrà andare in un’altra squadra. Dalle parole che usano capiamo quanto sia importante il ruolo degli allenatori delle squadre giovanili. Non sono dei semplici preparatori che dispensano consigli su come ci si deve muovere in campo, ma sono dei veri e propri maestri di vita paragonabili a degli insegnanti:

Ciao Mister,

volevamo semplicemente ringraziarti per tutto quello che hai fatto per noi. Ci hai insegnato cosa vuol dire fare sport sul serio, impegnandosi fino a dare il massimo, gioendo tutti insieme per le vittorie e reagendo alle sconfitte e ai momenti bui. Quelli dello sconforto, quelli in cui si vuole mollare tutto. Noi, i tuoi ragazzi te ne siamo davvero grati Mister. Ci hai fatto capire che rimanere uniti è la cosa che conta di più e che, alla fine, se hai lavorato bene il risultato arriva. Anche noi genitori ti ringraziamo Mister. Hai insegnato a questi ragazzi che è bello conquistare qualcosa con un po’ di fatica. Che non è solo la fatica fisica – alla loro età neanche la sentono – ma la fatica di organizzare lo studio, rinunciare a qualche ora di videogiochi, dire agli amici che no, questo venerdì pomeriggio “non posso uscire perché ho la partita o l’allenamento”. Imparare a 13 anni che si può perdere anche la partita più importante, ma si resta uniti, determinati e pronti ad affrontare la partita successiva; che si è felici per il divertimento provato più che per il risultato, che non si è sempre il titolare perché c’è un interesse della squadra da perseguire tutti insieme; che anche seduti in panchina bisogna sempre essere pronti; che si rispettano i compagni, l’allenatore, il regolamento, gli avversai e l’arbitro (senza fiatare sulle decisioni anche se appaiono sbagliate!). Questa è la vittoria più grande che c’è. Adesso che ci lasci e devi andare in un’altra società arriva il momento più triste perché sappiamo che non sarà facile sostituirti. Un immenso grazie per tutto quello che ci hai insegnato Mister Iso, non ti dimenticheremo mai…

I tuoi atleti del Magenta Calcio classe 2008/09 e i genitori

Articolo precedenteCamera di commercio, al via il Bando InnovaTurismo a Milano e in Lombardia: contributi alle imprese dal 30 giugno
Articolo successivoPontevecchio di Magenta: il concerto del corpo musicale Santa Cecilia