I 5 stelle di Casorezzo, Inveruno, Nerviano e Parabiago: cittadinanza onoraria a Nicola Gratteri

95

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO 

 

 Spettabile Redazione, noi MoVimento 5 Stelle di Parabiago e di Nerviano, e i gruppi di attivisti del Movimento 5 Stelle di Casorezzo e Inveruno, siamo lieti di comunicarVi, che abbiamo accolto e condiviso con grande senso civico, la legittima richiesta dei nostri Consiglieri Regionali, di proporre il Procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, alla Cittadinanza Onoraria di Parabiago, Nerviano, Casorezzo e Inveruno. A tal fine abbiamo depositato, presso la Segreteria Comunale dei rispettivi Comuni, una mozione con la seguente motivazione: “Si apprende della volontà delle cosche di mettere a tacere il Procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, con un attentato. Vogliono interrompere certi filoni che oltre a perseguire i soliti malavitosi stanno evidenziando pesanti complicità nel mondo dell’imprenditoria, della finanza, della politica e della massoneria deviata.

 

 

Visto che gli approfondimenti del Procuratore Capo Gratteri arrivano anche in Lombardia, pensiamo sia necessario fargli sentire la nostra forte vicinanza e proporlo per la CITTADINANZA ONORARIA in ogni singolo comune della nostra Regione. Sarebbe inoltre un segnale forte di una scelta di campo a sostegno della Legalità e della Giustizia”. Ad oggi, in vari Comuni è stata presentata un’analoga mozione affinché le Amministrazioni Locali si attivino il prima possibile per manifestare un concreto segnale al Procuratore Capo di Catanzaro Nicola Gratteri. I primi Comuni dove il MoVimento 5 Stelle ha già depositato l’atto sono: Busto Garolfo, Cinisello Balsamo, Paullo, Rozzano, Milano, Cesano Boscone e Trezzano s/n. Possiamo fin d’ora dire che a breve molti altri Comuni faranno lo stesso.

 MoVimento 5 Stelle di Parabiago e di Nerviano

Gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Casorezzo e di Inveruno

Articolo precedenteMilano, due magistrati positivi al tampone
Articolo successivoIl Niguarda miglior ospedale italiano, secondo Newsweek