Gruppo Cap, ormai i contratti si fanno (tutti e comodamente) da casa

142

 

Il gestore del servizio idrico lombardo prosegue sulla strada della transizione digitale. Per i clienti sarà ancora più facile e veloce accedere ai servizi dell’utility pubblica, risparmiando tempo e scartoffie

 

MILANO Gruppo CAP prosegue nel suo programma di transizione digitale con la digitalizzazione dei contratti. Voltura, subentro, allacciamento idrico, allacciamento fognario, adesione fondo perdite e domiciliazione bancaria: da oggi gli utenti potranno procedere direttamente da casa e in completa autonomia. Insomma, sarà ancora più semplice e veloce attivare il servizio di fornitura idrica con l’utility lombarda, senza considerare il risparmio in termini di carta, scartoffie e spostamenti.

 

Si tratta di una delle prime iniziative di questo tipo per un’azienda del settore delle utility in ambito idrico. Ma come funziona? Basta andare sul sito di Gruppo CAP, accedere all’area personale (o registrarsi nel caso ancora non lo si sia fatto) e scegliere il servizio che si intende attivare. La compilazione del modulo è intuitiva e di facile comprensione, consente di inserire tutte le informazioni e di caricare tutti i documenti richiesti in pdf o in formato immagine. In particolare, per alcune pratiche sarà necessario inserire anche la copia fotografica della propria carta di identità. In ogni caso, è sempre possibile mettere in pausa la procedura, e riprendere in un secondo momento da dove si era interrotta.

 

Una volta terminato l’inserimento dati anagrafici e il caricamento dei documenti, tramite mail si riceve un link al contratto completato e pronto per la firma, che avviene tramite il classico codice OTP (la password temporanea unica), mandato tramite SMS. Una semplificazione per tutti gli utenti, ma anche per la gestione interna delle pratiche, che la digitalizzazione dei processi renderà ancora più veloce ed efficiente, migliorando l’esperienza dei clienti con il loro fornitore del servizio idrico.

 

La digitalizzazione dei contratti è un ulteriore passo sul sentiero della digital transformation iniziata da Gruppo CAP fin dalla presentazione del suo Piano di Sostenibilità nel 2019, che poggiava su tre direttrici: Sensibili, Resilienti e Innovatori, che ha avuto una accelerata per dare una risposta concreta ai problemi emersi a causa della pandemia.  Tra le altre cose, infatti, fin dalla primavera del 2020 CAP ha digitalizzato e snellito le procedure per partecipare alle gare d’appalto a sostegno delle imprese partner.

 

Gruppo CAP è anche presente su Alexa e Google Home, gli assistenti vocali che aiutano a semplificare la vita quotidiana in mille modi diversi. Per esempio, ricordando la scadenza della bolletta dell’acqua, fornendo remainder sui pagamenti e numeri di telefono utili in caso di necessità legate al servizio idrico, come contattare il servizio clienti e come recuperare il proprio codice utente.

 

 

Gruppo CAP

Gruppo CAP è la realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città metropolitana di Milano secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Per dimensione e patrimonio Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale. Nel 2022 si è aggiudicato il premio Top Utility Ten Years come Utility italiana più premiata negli ultimi dieci anni. 

Articolo precedenteIl Comune Corbetta con il progetto #EloGe per la certificazione di eccellenza
Articolo successivoEstate, i cinque consigli per i tuoi denti. A cura del nostro partner ADM Magenta