GP di Monza: L’aereo Ita dedicato a Enzo Ferrari sorvolera’ il Gran Premio con le Frecce Tricolore

290
AUTODROMO NAZIONALE MONZA, ITALY - SEPTEMBER 06: Frecce Tricolori fly over the grid prior to the start in their Aermacchi MB339A jet trainers during the Italian GP at Autodromo Nazionale Monza on Sunday September 06, 2020 in Monza, Italy. (Photo by Mark Sutton / Sutton Images)

MONZA – Il nuovo Airbus A350 livrea azzurra di Ita Airways dedicato al mito Enzo Ferrari fara’ il suo primo volo a Monza al Gran Premio d’Italia il prossimo 11 settembre, quando fara’ da apripista alle Frecce Tricolore in occasione della partenza e in concomitanza con l’inno nazionale. E’ la prima volta in assoluto che – “il Drake” – leggendario fondatore della scuderia, la piu’ titolata nella storia della Formula 1, con 31 titoli mondiali (16 Costruttori, 15 Piloti), l’uomo che ha cambiato la storia dell’automobilismo mondiale ha un aereo con il suo nome, e solo Ita Airways lo poteva fare.

Ed e’ la prima volta che la Compagnia di Bandiera e’ presente al Gran Premio d’Italia, nonche’ un’occasione unica durante la quale le Frecce Tricolore si esibiranno insieme ad un aereo di linea. Un ringraziamento particolare al figlio di Enzo Ferrari, Piero Ferrari, a John Elkann e al management team Ferrari, che hanno permesso che questo accadesse. L’Airbus A350 della flotta Ita Airways rappresenta la massima espressione della tecnologia, della sostenibilita’ e dell’innovazione. Il nome Enzo Ferrari sara’ scritto su sfondo rosso, anche questa un’unicita’, perche’ rosso e Ferrari sono una cosa unica, al pari di Ita Airways e l’azzurro, come esclusivo e’ questo dettaglio di colore rosso tra tutti gli aerei della flotta. Il Connubio tra Enzo Ferrari e Ita Airways e’ naturale: come Ferrari ha innovato le corse, Ita Airways vuole essere pioniere dell’innovazione nel trasporto aereo. L’Airbus A350 di Ita Airways dedicato ad Enzo Ferrari in occasione del Gran Premio d’Italia, si unisce agli altri tre aerei che la Compagnia ha dedicato a illustri piloti che hanno scritto la storia dell’automobilismo italiano, ovvero l’A330 intitolato a Tazio Nuvolari, e due Airbus A319 che portano il nome di Alberto Ascari e Michele Alboreto. Tutti e quattro gli aerei con nuova livrea azzurra della flotta Ita Airways vestono il Logo delle Celebrazioni dell’Autodromo.

“La partnership tra il circuito di Monza, il Gran Premio d’Italia e la compagnia di bandiera e’ un fatto naturale”, dichiara Alfredo Altavilla, Presidente Esecutivo di Ita Airways. “A maggior ragione per il centenario del circuito che, come Ita Airways, e’ ambasciatore nel mondo del nostro Paese. E’ la prima volta che la Compagnia di Bandiera e’ presente al Gran Premio d’Italia e oggi, rafforziamo il connubio tra Ita Airways e lo sport. Dopo gli aerei intitolati a diversi sportivi, ecco quelli dedicati a quattro figure che hanno scritto la storia dell’automobilismo italiano, con l’esclusivo aereo intitolato ad Enzo Ferrari che fara’ il suo primo volo nel momento clou del Gran Premio sfrecciando in alto dopo l’inno nazionale”. “Con imprese sportive straordinarie, che sono entrate nel mito” – spiega Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italia, la Federazione Italiana dello Sport Automobilistico – “Nuvolari, Ascari, Alboreto e, naturalmente, Ferrari, hanno fatto volare e incontrare generazioni di appassionati e tifosi del motorsport di ogni parte del mondo. Ed e’ proprio questo gemellaggio ideale tra emozioni – quelle dell’automobilismo sportivo e quelle del volo – unitamente alla condivisione di valori fondamentali, comuni allo sport e all’aviazione – massima professionalita’, forte competitivita’, continua innovazione tecnologica, grande attenzione al futuro sostenibile – l’idea alla base di questa importante partnership tra Aci e Ita Airways”. “Questa domenica – conclude Sticchi Damiani – il mito Ferrari volera’ sul Circuito Nazionale di Monza per il suo esordio, l’augurio di un futuro sempre piu’ luminoso e fortunato per tutti noi”.

 

Articolo precedente“Come identificare le candele difettose e sostituirle nella tua auto”
Articolo successivo In memoria dello storico locale Gianni Visconti