Giornata di Raccolta del Farmaco 2020 anche a Magenta: dove e quando si può donare

    77

    MAGENTA – Anche quest’anno il Comune di Magenta, attraverso la Farmacia Comunale di Pontevecchio,
    partecipa alla Giornata di Raccolta del Farmaco. L’iniziativa, che va dal 4 al 10 febbraio, è nata nel
    2000 e coinvolge migliaia di volontari impegnati a raccogliere i medicinali che verranno poi donati
    agli enti caritativi. La Città di Magenta ha iniziato a partecipare all’evento nel 2018 e quella di quest’anno è la terza edizione alla quale il Comune aderisce.

     

    “Manteniamo inalterata l’adesione al Banco Farmaceutico, oramai è il terzo anno che le Farmacie Comunali di Magenta aderiscono sottolineando il continuo valore sociale che hanno queste realtà in grado di uscire da mere logiche di mercato – ha commentato l’assessore alle Farmacie, Luca Aloi, aggiungendo – Ringrazio i professionisti delle nostre farmacie in particolare la Dottoressa Pesenti e la Dottoressa Garavaglia per la passione, ma anche per la loro dedizione nel valorizzare sempre di più i servizi offerti”.

    Come funziona il Banco Farmaceutico
    Dal 2000, ogni secondo sabato di febbraio, i volontari presidiano le farmacie che aderiscono
    all’iniziativa invitando i cittadini a donare uno o più farmaci per gli enti caritativi del territorio. Ogni
    ente è collegato a una o più farmacie della propria provincia. Il farmacista, in base alle indicazioni
    ricevute dagli enti, indirizza il cliente suggerendo le categorie di farmaci di cui c’è maggiore ed
    effettivo bisogno.

    Dove donare
    A Magenta è possibile partecipare attraverso la Farmacia Comunale di Pontevecchio, ma in tutta
    Italia saranno più di 4.800 le farmacie che aderiscono all’iniziativa. I medicinali raccolti saranno
    consegnati a più di 1.800 enti assistenziali convenzionati con Banco Farmaceutico. Si tratta di realtà
    che offrono cure e medicine gratuite a chi non può permettersele per ragioni economiche.

    I numeri del Banco Farmaceutico
    In Italia, nel 2019, c’è stato il picco di richieste da parte degli enti, pari a 1.040.607 confezioni di
    medicinali (+4,8% rispetto al 2018); 473.000 persone in stato di povertà si sono ammalate e hanno
    chiesto il loro aiuto per curarsi. In Italia, su 5 milioni di persone in povertà assoluta, 1 milione
    260.000 sono minori, mentre 1 famiglia su 5 con figli è stata costretta a rinunciare alle cure per
    ragioni economiche. Nella scorsa edizione della GRF, infatti, nonostante l’ottimo risultato (421.904
    confezioni di farmaci raccolte, pari a un valore di 3.069.595 euro) è stato possibile soddisfare
    solamente il 40,5% delle richieste degli enti assistenziali

    La Giornata di Raccolta del Farmaco
    La GRF si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio di Aifa,
    in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Assogenerici,
    Federsalus e BFResearch. Intesa Sanpaolo è Partner Istituzionale dell’iniziativa. La GRF è
    realizzata grazie all’importante contributo incondizionato di IBSA e Teva e al sostegno di EG Stada
    Group e DOC Generici. La Giornata è supportata da Mediafriends, Responsabilità Sociale Rai, La7,
    Sky per il sociale, e Pubblicità Progresso.

    Articolo precedenteTorna il Banco Farmaceutico compie 20 anni. Fontana: una settimana per donare a chi ne ha più bisogno
    Articolo successivoUE, la leghista Tovaglieri: “Mantenere alta la guardai sui partiti islamici radicali, presentata interrogazione”