L’ex assessore di Cornaredo, Tavecchia, coordinatore provinciale di Azione

181

 

MILANO Sabato 15 e domenica 16 gennaio si sono tenuti i primi Congressi Provinciali di Azione. È stato un momento importante per la costruzione del Partito, un primo passo verso il Congresso Nazionale, sintesi di un percorso democratico ampio e partecipato. Nell’area milanese si sono sfidati per la carica di Segretario Provinciale Giorgio Tavecchia e Marco Griguolo.

È stata una competizione corretta, appassionata, tra due persone che hanno contribuito fin dai primi mesi alla diffusione di Azione sul territorio di Milano e Cittá Metropolitana.

La lista “In Azione per Milano”, a sostegno del candidato Giorgio Tavecchia, ha vinto con il 52.6% dei voti.

Il nuovo segretario provinciale di Azione ha commentato la sua elezione:

“Un congresso impegnativo e combattuto.  Grazie a Marco per la bellissima sfida e grazie a tutte le persone che mi hanno aiutato in questo percorso.

Oggi festeggiamo, ma già da domani si torna al lavoro!  Tutti insieme, uniti per costruire il partito che vogliamo.  C’è grande soddisfazione per il risultato congressuale, frutto del grande lavoro di tutte le persone che mi hanno appoggiato e supportato (ma anche sopportato). 

Nel rispondere insieme a Marco, fianco a fianco, alle domande che ci venivano poste tramite Luca Marchiori, organizzatore e regista impeccabile, ho avuto la netta sensazione di condividere con lui la stessa passione per questo progetto, la stessa appartenenza ad Azione. Marco ieri ha confermato di essere una risorsa preziosa per questo Partito; mi auguro che potremo, insieme, contribuire a dar forma e sostanza alla sfida che ci aspetta: Azione!”

A breve il Segretario proporrà la squadra che lo affiancherà nell’obiettivo di portare avanti il lavoro sul territorio e far crescere ancora Azione in termini di iscritti ed eletti.

Articolo precedenteMusella, Forza Italia: “Protagonisti del nuovo Consiglio Metropolitano”
Articolo successivo+Carenza medici di base, Cecchetti e Lega: la Lombardia ha fatto il massimo, adesso tocca a Speranza