++Funghi velenosi, le raccomandazioni di ATS Pavia

249

PAVIA A seguito di diverse segnalazioni di persone intossicate da funghi velenosi, ATS Pavia si rivolge agli appassionati affinché non manchi mai il giudizio necessario a garantire una raccolta autonoma.

 

In questa stagione, le condizioni di tempo particolarmente favorevoli per le gite fuori porta e il terreno asciutto rendono i cercatori più superficiali nella valutazione dei funghi raccolti, ma l’accortezza è fondamentale per prevenire i casi di intossicazione.

Il tasso di mortalità da intossicazione da funghi velenosi non è basso e varia dal 2 al 10%, a seconda di quanto tempestivamente si interviene. In questi casi la prontezza con cui si affronta la situazione è fondamentale, ed è importante riconoscere precocemente i segnali di una possibile intossicazione. La sintomatologia, infatti, colpisce il tratto gastro-intestinale (nausea, vomito, dissenteria, dolori addominali) e, in base alla specie fungina, i tempi di comparsa dei sintomi possono variare da 30 minuti, fino a 12-20 ore dall’ingestione.

A Pavia, sono attivi diversi centri micologici ai quali è possibile portare gratuitamente i funghi per una loro valutazione da parte degli esperti micologi dell’ATS, con l’obiettivo finale di prevenire ricoveri e decessi dovuti all’intossicazione. Di seguito sedi e contatti dei centri micologici:

PAVESE
Pavia, Viale Indipendenza 3 (secondo piano)
0382/432428 – 432432 – 432406, dal lunedì al venerdì 8.30 – 9.00

OLTREPO’
Voghera, Viale Repubblica 88
0382/431673, dal lunedì al venerdì 8.00 – 9.00

LOMELLINA
Vigevano, Presso Municipio, Corso Vittorio Emanuele II 25
0381/299434 – 299433 – 299444, dal lunedì al venerdì 8.00 – 8.30

Dal 1°agosto al 30 novembre, al di fuori degli orari di apertura, il servizio è attivo in orario d’ufficio su appuntamento.
Per maggiori informazioni
www.ats-pavia.it

Articolo precedenteTuttofood, alla fiera di Rho la prova che il Molise è fighissimo: ecco la caciotta.. al Mojito
Articolo successivoCornaredo, parla Raben Sittam: ‘Non intendiamo chiudere, rimarremo in Italia’