Franco Tosi Legnano (FIM CISL) : votato a larghissima maggioranza l’accordo di riorganizzazione

    51

    MILANO – Si è tenuta ieri, in giornata, la votazione dei lavoratori sull’intesa di riorganizzazione raggiunta in tarda notte, presso Regione Lombardia, lo scorso 16 dicembre, tra azienda e strutture territoriali di FIM, FIOM e UILM.

    L’intesa prevede la gestione della cassa integrazione straordinaria che permetterà, attraverso il piano di investimenti per i prossimi due anni, di riorganizzare le nuove attività aziendali seppure su area più ridotta, ma con la prospettiva possibile di crescita complessiva.

    L’accordo interviene anche sulla gestione delle possibili eccedenze di personale attraverso vari strumenti: la ricollocazione interna con il cambio di professionalità, la ricollocazione esterna attraverso il supporto dello strumento dell’outplacement, le incentivazioni e il sostegno al reddito per chi può raggiungere i requisiti pensionistici entro il 2022, 18 mensilità per chi decide di lasciare l’azienda in maniera volontaria.

    “L’accordo – osserva il segretario generale della Fim Cisl milanese, Christian Gambarelli – è il risultato di un paziente lavoro di diplomazia sindacale, che ha permesso il superamento del limite ideologico e della posizione di parte, e ha puntato tutto sulla soluzione del problema. Questo è a dimostrare che la Franco Tosi a Legnano ha ragione di essere e che non è la misura in metri quadrati dell’area che ne avrebbe garantito o meno la permanenza. Ora il compito del sindacato non è finito: l’accordo va gestito al meglio e gli investimenti devono concretizzarsi. C’è poi tutto il tema delle aree rimanenti: per noi è ancora necessario pressare le istituzioni affinché si creino presto le condizioni per implementare le attività produttive su tutto il perimetro”.

     

     

    Articolo precedenteTangenti: revocati i domiciliari all’ex sindaco di Legnano. GB Fratus torna libero
    Articolo successivoBareggio: Sindaco e l’assessore Anna Lisa De Salvo portano i regali ai bambini ricoverati al ‘Fornaroli’