Fondazione Ronald McDonald porta il suo augurio di Buona Pasqua agli ospedali pediatrici di Milano

87

Consegnati i doni pasquali ai piccoli ospiti dei reparti di pediatria

 

MILANO – Il team di Fondazione Ronald McDonald ha consegnato oltre 200 confezioni pasquali, contenenti coniglietti Knuffel (“abbraccio” in olandese) e uova di cioccolato ai piccoli ospiti dei reparti di Pediatria dell’Ospedale dei Bambini “Vittore Buzzi” e del Policlinico di Milano Ospedale Maggiore Clinica Mangiagalli. Un piccolo pensiero, preparato dai volontari della Ronald McDonald Family Room di Milano del Grande Ospedale Metropolitano Niguarda.

Presenti alla consegna dei doni per l’ospedale Buzzi, la Consigliera di Fondazione Buzzi, Dottoressa Ida Salvo e per il Policlinico Ospedale Maggiore, il Presidente Giacchetti, il Professor Leva, Primario di Chirurgia Pediatrica, il Direttore di Unità Operativa Complessa Dottor Gianantonio Manzoni, insieme al personale sanitario dei reparti.

 

 

“E’ un piccolo gesto ma che ha tanti significati. Il primo di dare un segno di attenzione e cura da parte dei tanti volontari di Fondazione Ronald, “un abbraccio” ai bambini e alle loro mamme e papà che sono costretti a passare questi giorni di festa in ospedale. E poi un gesto di pace. Il nostro coniglietto porta un fiocco della pace, una preghiera affinché tanti bambini ucraini possano ritrovare la loro pace e la serenità nelle loro case e nel loro Paese presto.”, dichiara Maria Chiara Roti, Direttore Generale di Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia.

 

Momenti di calore e cura che Fondazione sta offrendo in Italia anche ad alcune famiglie ucraine in fuga dal conflitto: le Case Ronald McDonald stanno infatti accogliendo famiglie con bimbi malati provenienti dall’Ucraina, per garantire loro supporto e aiuto nel percorso di cura. Tramite una raccolta fondi e di beni di prima necessità, inoltre, Fondazione sostiene le comunità ucraine presenti in Italia e, grazie alla collaborazione con i colleghi di RMHC Ucraina, offre costante supporto e tempestive risposte alle loro necessità.

 

Iniziative, queste, rese possibili grazie a Ronald McDonald House Charities che opera anche nelle zone di frontiera e in territorio di conflitto. Ronald McDonald House Charities, infatti, è attiva in diversi paesi, tra cui Polonia e Romania, in prima linea nell’accoglienza dei profughi, e in Ucraina, dove è presente con 5 Family Room, strutture di accoglienza per famiglie interne agli ospedali, ora adibite ad alloggi per medici ed infermieri in servizio.

Articolo precedenteArese: area ex Alfa. Avanza il progetto di rigenerazione urbana
Articolo successivo+++ Trecate: domani la seconda giornata delle Eccellenze Trecatesi +++