Final eight Basket: Armani Exchange favorita

84

Final Eight di Coppa Italia di Basket oggi inizia Milano
A cura di Laura Giulia D’Orso

 

MILANO – Sono state presentate ieri le Final Eight di Coppa Italia di Basket, l’ormai classico appuntamento di metà stagione che coinvolge le migliori otto formazioni alla fine del girone d’andata. Favorita d’obbligo l’Olimpia Milano, vincitrice anche dell’edizione 2021, con il suo roster rodato a punto già abituata a gestire le energie con tante partite ravvicinate.

La finale annunciata sarebbe quella che replicherebbe per l’ennesima volta il duello con la Virtus Bologna, ma questa competizione da sembra è stata terreno di grandi sorprese. Si gioca a Pesaro oggi, mercoledì alle 18 con il primo quarto di finale dove è impegnata l’Armani Exchange Milano contro Sassari (finalmente libera dalla quarantena che l’ha fermata fino a ieri), in campo anche la Germani Brescia, dalla stessa parte del tabellone dell’Olimpia, che giocherà la sua prima sfida sempre mercoledì contro Trento.

“Torniamo a Pesaro dove si giocò l’ultima edizione con grande pubblico nel febbraio 2020 – ha detto alla presentazione il presidente della LegaBasket Umberto Gandini – è un po’ triste sapere che non troveremo di certo le 30000 persone che assieparono gli spalti in quel torneo, però siamo fiduciosi che possa essere approvato il decreto che riporti le capienze al 60% almeno per le partite del weekend”.

Le semifinali infatti si giocheranno sabato e poi la finalissima si disputerà domenica alle ore 18, nuovo anche il trofeo ridisegnato sulla scia di quello classico, ma con un’ampia basa dove sono incisi tutti i nomi delle squadre vincitrici delle 45 edizioni passate.

 

I biancorossi saranno i primi a mettere piede in campo alla Vitifrigo Arena in virtù del primo posto al termine del girone di andata. L’avversario sarà la Dinamo Sassari, formazione che non ha giocato nelle ultime due settimana a causa del focolaio di Covid-19 che ha colpito la squadra sarda. Da oggi “liberi” i giocatori sassaresi sono tornati ad allenarsi con solo due positività che permangono ancora nel gruppo squadra. “Siamo carichi, ma consapevoli che ogni gara fa storia a se – dice il capitano Nicolò Melli che simbolicamente ha riconsegnato il trofeo vinto l’anno scorso sul treno in direzione Pesaro – è un trofeo che vogliamo portare a casa. La pressione sarà tutta su di noi, ma preferisco essere in questa situazione qui, abbiamo un roster che può gestire anche partite così ravvicinate. Giochiamo una partita alla volta e poi si vede”.

Per Milano valgono le regole del campionato dunque al di là dei lungodegenti Shields e Mitoglou ci saranno altri 3 stranieri che dovranno stare fuori ogni volta per rispettare la regola dei 6 stranieri in campo.

Articolo precedenteLombardia: positivo il quarto trimestre 2021 ma adesso si teme per la crisi energetica
Articolo successivo+++ ATS cambia idea e usa il buon senso: il dottor Bisoffi potrà continuare ad esercitare ancora +++