“Filosofi a spasso nel tempo” della 4C “Santa Caterina” vince PoliCultura 2021

352

La cerimonia di premiazione del Politecnico di Milano è stata trasmessa anche in streaming venerdì 15 ottobre 2021

MAGENTA – Con il lavoro “Filosofi a spasso nel tempo” gli alunni e le insegnanti della classe 4C della scuola primaria “Santa Caterina” si sono aggiudicati il premio PoliCultura 2021 per la categoria ICAT-Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale.

Dal 2006 il Politecnico di Milano propone “Policultura”, un concorso/progetto che premia le narrazioni e la valutazione si basa non solo sulla qualità del risultato ma anche e soprattutto sul valore didattico dell’esperienza: lo sviluppo di una storia multimediale deve supportare un’effettiva acquisizione di benefici didattici e il pieno coinvolgimento della classe.

Paola Pinaroli, insegnante di Scienze e Matematica, spiega infatti che è stato “un lavoro interdisciplinare che ha coinvolto Scienze, Educazione Civica, Italiano, Arte e immagine, Informatica e tecnologia. Lo scopo principale delle insegnanti è stato coinvolgere tutti, in un’ottica inclusiva, che valorizzasse ognuno e permettesse ad ognuno di esprimere le proprie abilità all’interno del gruppo. Gli alunni, inoltre, sono stati resi protagonisti del proprio processo di apprendimento e per questo sono state proposte attività laboratoriali, che hanno stimolato gli alunni a collaborare e socializzare per il raggiungimento di una finalità comune. I bambini, attraverso discussioni in grande gruppo, sono stati chiamati a riflettere sulle loro azioni e sui loro pensieri, così da esercitare il pensiero critico e scavare a fondo nella conoscenza”.

A scuola l’esperienza didattica si è svolta principalmente nelle ore di Scienze ed Informatica e la scrittura della storia ha riguardato anche le ore di Italiano. La seconda parte del progetto è stata realizzata durante il periodo di didattica a distanza, inducendo i bambini ad occupare parte del loro tempo a casa per realizzare i disegni utilizzati nel prodotto multimediale.

L’idea di partecipare è nata durante la tesi di laurea.

Serena Bertoglio, tirocinante dell’Università Bicocca, grazie alle ricerche bibliografiche effettuate per il suo progetto di tesi, dalla lettura del testo “Storytelling digitale a scuola” di Nicoletta Di Bias ha scoperto il progetto PoliCultura, la cui proposta è stata accolta con entusiasmo dai bambini. Un lungo percorso tra scienza e filosofia dedicato allo studio delle cause dell’inquinamento e delle soluzioni per salvaguardare l’ambiente proposte dall’Agenda 2030 e dai bambini. Un percorso che aveva portato i bambini a scrivere a Greta Thunberg, al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alla Sindaca di Magenta Chiara Calati e al Dirigente Scolastico prof. Davide Basano.

L’aspetto più interessante – aggiunge la maestra Paola – è che quell’intensa attività di ricerca che a partire dallo studio dell’acqua e dell’aria li aveva portati a conoscere i filosofi Talete e Anassimene ed ad acquisire la consapevolezza che anche i bambini, con semplici gesti quotidiani possono contribuire alla “salute” dell’ambiente e quindi al benessere di tutti gli esseri viventi, in primis l’uomo, ha avuto e ha una ricaduta anche a distanza di mesi, ora che sono in quinta: tutto il lavoro di ricerca, il viaggio nel tempo, i collegamenti tra le discipline, oltre che ad aver sviluppato diverse competenze”.

Preziose competenze riscontrate anche dall’Ateneo milanese. I dati raccolti finora dal Politecnico mostrano, infatti, che gli studenti acquisiscono solidi benefici: familiarità con le tecnologie, competenze “autoriali” con il multimedia, abilità nel lavoro di gruppo e nello sviluppo di progetti… In aggiunta, viene riportata spesso una maggiore motivazione nella partecipazione alle attività scolastiche in generale.

PoliCultura è un’iniziativa di HOC-LAB del Politecnico di Milano, la più grande università tecnico-scientifica in Italia. Le classi sono chiamate a creare storie multimediali interattive usando 1001Storia, uno strumento di authoring creato da HOC-LAB. La base di PoliCultura è il digital storytelling, cioè il raccontare storie combinando testi, immagini, audio, video. Il risultato è un’applicazione multicanale per PC e device mobili, scaricabile e anche stampabile in vari formati (brochure, poster e libretto).

Tutte le narrazioni multimediali sono sul sito di PoliCultura (https://www.policultura.it/premiazione/finalisti/ ).

 

Articolo precedenteTrecate: inaugurato ieri pomeriggio, il Centro Incontro Anziani
Articolo successivoMagenta, SPORTLYNE is back: Cristiana Robbiati torna in città