Fiab Abbiateinbici: una bici per cammello, la storia di Rita Sozzi

    139

     

    “Una bici per cammello” – Incontro con una cicloviaggiatrice speciale

    ABBIATEGRASSO  Mercoledì 26 maggio ore 20,30 al Castello Visconteo di Abbiategrasso (posti limitati causa COVID: prenotazione obbligatoria al 349 4629942)
    C’è chi prende la bici per andare in gita a Ticino e chi riesce a raggiungere il Lago Maggiore. Rita Sozzi, classe 1990, insegnante di lettere classiche, si fa i 5’000 kilometri dalla Persia al Kazakhistan. L’anno prima si era accontentata di Transiberiana e Mongolia partendo da Mosca, perchè, l’anno prima ancora, da San Pietro all’Olmo era arrivata solo a Mosca …
    EPSON scanner image
    In quasi 10 anni di viaggi sulla sua bicicletta rossa ha attraversato l’Europa, e si è spinta soprattutto ad Oriente fra pianure, deserti, steppe e vette innevate alla ricerca delle tracce delle culture classiche, ma sempre attenta alle situazioni sociali e politiche e alla gente dei territori attraversati.
    “Una bici per cammello” è un’avventura in bici sulle orme di Marco Polo, alla scoperta dell’Iran e degli *stan dell’Asia Centrale. La storia, le dune, l’arte, le lunghissime ombre sulla sabbia, le yurte dei pastori nomadi, la fatica e i racconti di chi vive quest’altra metà del mondo nel difficile equilibrio tra libertà e dittature, riecheggiano in un diario di viaggio che profuma di tè e spezie.
    Articolo precedenteTest salivari anti Covid/2, sperimentazione anche a Varese e Como
    Articolo successivo‘+Pregliasco: ‘Sta bene la ragazza che ha ricevuto 4 dosi di vaccino’