Fanghi tossici, Minardi (Progetto Magenta): “Chiediamo al Sindaco Calati cosa pensa di fare”

    85

    MAGENTA RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO – “Apprendiamo dalla stampa che anche il sindaco di Magenta ha ricevuto una lettera del Comandante dei Carabinieri di Brescia in quanto anche alcuni terreni della nostra città sarebbero interessati dallo spargimento di fanghi tossici.

    Il Sindaco avrebbe dovuto informare tempestivamente il consiglio comunale o, almeno, la conferenza dei capigruppo. Non lo ha fatto! Per il Sindaco Calati il consiglio comunale è un inutile fastidio, lo sappiamo.

    Le dichiarazioni del Sindaco Calati si limitano a “ribadire il massimo impegno”, ma non si capisce per fare che cosa.

    Riteniamo doveroso da parte del comune di Magenta avviare un lavoro di coordinamento tra tutti i sindaci dei comuni coinvolti per valutare se ci siano le condizioni per costituirsi parte civile nell’eventuale processo.

    Inoltre, sarebbe importante sapere se e come il comune intenda muoversi rispetto alla bonifica dei terreni coinvolti visto che, nella lettera inviata ai sindaci, vi è un elenco delle aziende agricole e quindi dei terreni interessati dalle indagini in corso.

    Articolo precedenteDa oggi gazebata leghista per la Giustizia nella provincia del Ticino
    Articolo successivoTatuatori e piercers, approvata legge regionale in Commissione Attività Produttive. Scurati (Lega): “Lombardia all’avanguardia nel normare professioni che meritano il giusto riconoscimento”