Falò nel segno della tradizione a Magenta e nel ‘Principato’

    91

    MAGENTA –  Una serata nel segno della tradizione. Magenta le sue frazioni – ma anche la parrocchia della Sacra Famiglia dove la pira di fuoco è tornata ad ardere –  ieri ha celebrato alla grande la festività di Sant’Antonio. Accanto al falò nel ‘Principato’ di Pontevecchio dentro all’ex Cava – che alla fine è stato organizzato – si è tornati anche in via Crivelli, presso l’ex area Fiera. Qui da giorni la catasta era pronta ad ardere. Un buon numero di cittadini sono accorsi stringendosi attorno al falò che poco alla volta è iniziato ad ardere sempre di più. Presente l’Amministrazione con il sindaco Chiara Calati, il Presidente del Consiglio comunale Fabrizio Ispano e gli Assessori Simone Gelli, Luca Aloi,  Alfredo Bellantonio e Patrizia Morani, Rocco Morabito. Giunta al completo dunque. Simpatico il siparietto con il primo cittadino improvvisatosi direttore d’orchestra della banda dei Vigili del Fuoco capitanata da Imerio Castiglioni. E’ stata una bella serata come documentano queste foto del nostro Luciano Milan, altro nuovo importante innesto nella famiglia di Ticino Notizie. Non è mancato il vin brulè  accompagnato da qualche dolcetto in omaggio alla tradizione. Adesso, avanti con San Biagio. Un grazie di cuore anche dal nostro quotidiano on line ai tanti volontari che ogni anno rendono possibile quella che non è solo una piacevole consuetudine, ma un elemento identitario della nostra comunità.

    Articolo precedenteUn futuro possibile per la Milano-Mortara (e il sistema dei treni)
    Articolo successivoPerché Silvia Minardi farebbe bene a dedicarsi all’insegnamento (full time)