Eventi sportivi Lombardia. Rossi: con bando regionale da 1,33 milioni finanziate 182 manifestazioni in programma sino a settembre 2022

97

“Con 1,33 milioni di euro Regione Lombardia ha finanziato una serie di eventi che si sono svolti da inizio 2022 ad oggi e altri che sono in calendario fino a settembre per un totale di 182 manifestazioni sportive”.

Nell’annunciare la firma del decreto contenente le graduatorie del bando, Antonio Rossi, sottosegretario regionale con delega a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi Eventi ha sottolineato: “Questa prima ‘finestra’ della misura ha registrato una fortissima richiesta, a conferma della vitalità del nostro movimento sportivo. Regione c’è e supporta le tante realtà impegnate a fare sport e a diffondere, attraverso le strutture, le associazioni, le bellezze naturali della nostra splendida Lombardia, la cultura sportiva”.

VOCAZIONE INCLUSIVA – “Suddiviso in due ‘finestre’ temporali, il bando 2022 – ha ricordato Rossi – al momento prevede complessivi 2.358.000 euro di erogazioni. La somma, a fondo perduto, è destinata a supportare la realizzazione tra gennaio 2022 e marzo 2023 di appuntamenti agonistici e amatoriali, di rilievo regionale, nazionale e internazionale. Con grande soddisfazione – ha proseguito il pluricampione olimpico – evidenzio come in questo primo elenco figurino tra i beneficiari 18 eventi legati a discipline paralimpiche, a testimonianza della forte vocazione inclusiva lombarda, anche nello sport”.
Il 6 LUGLIO SI CHIUDE LA SECONDA ‘FINESTRA’ DEL BANDO – “C’è ancora qualche giorno di tempo – ricorda il sottosegretario – per inviare l’adesione alla seconda ‘finestra’ del bando, quella utile per chiedere il contributo per le manifestazioni e gli eventi sportivi agonistici o dilettantistici in programma nel periodo 1° ottobre al 31 marzo 2023.

Il 6 luglio, infatti, scadono i termini per inoltrare la domanda tramite la piattaforma bandi di Regione Lombardia. Ci attendiamo un successo altrettanto significativo”.

DA 4.000 a 50.000 EURO PER EVENTO – Sono ammessi anche alla seconda ‘finestra’ gli eventi che non perseguono fini di lucro, in programma nel territorio lombardo, per i quali sia stato chiesto il patronato regionale alla Presidenza, tramite piattaforma Bandi Online. A seconda del punteggio ottenuto, gli organizzatori possono vedersi riconosciuti sino a 4.000 euro, 7.000, 10.000, 20.000, 30.000, con un massimo fissato in 50.000 euro. Le somme sono destinate a coprire una parte delle spese sostenute per la realizzazione dell’evento (importi massimi sino al 50% o all’80% del documentato).

 

 

Articolo precedenteIn aumento la percentuale di affitti a studenti universitari. Il canone transitorio prende sempre più piede
Articolo successivo“Risvegliati dal letargo”. Gli studenti delle sezioni musicali delle Baracca riscuotono un largo consenso al concorso “Esperia”.