Eurofestival con Zazzu parte prima. Di Massimo Moletti

200

E poi c’era l’Eurofestival manifestazione canora che arrivava dopo qualche mese dal più importante San Remo …erano gli anni in cui la musica italiana dominava nel mondo anche se ai palati fini o pseudo tali non era gradita …

Forse perché il Festival troppo italiano non piaceva ed erano critiche come macigni contro la riviera canterina …

L’Eurofestival contava ancora meno ed era criticato assai tanto o meglio non considerato alla stregua della seconda serata sul secondo canale quando andava bene …

L’unica vincitrice fino al trionfo del 1990 di Toto Cutugno fu l’eterna ragazzina Gigliola Chinquetti (mai nome fu meno adatto ad una cantante) a cui la canzone Non ho l’età portò si un Festival e un Eurofestival ma li si legò totalmente addosso …

La nostra Gigliola arrivò pure seconda nel 1974 (con SI) dietro al gruppo storico degli Abba che trionfarono con Waterloo e conquistarono tutte le vette della classifica tanto da essere arrivati con più soldi in banca del Re di Svezia ..

Col passare degli anni sempre più paesi entrarono nel novero dei partecipanti a questa manifestazione che prendeva sempre più piede anche se l’Italia sembrava non credere troppo a questo Euro Sa Remo …

Il mio Pappagallo Zazzu è un aspirante cantante e vuole sostituire Lapo che è diventato troppo viziato ed impegnato ad uscire tutte le sere con gattine diverse …

Vedendo il livello degli ultimi Eurofestival credo possa pure partecipare, visto che ormai non si riconosce più un portoghese da un inglese infatti dal 1999 un cantante o gruppo può esibirsi pure in una lingua diversa da quella del suo Paese …

Una manifestazione iniziata nel 1956 e che continua ad affiliare paesi e telespettatori tv e social fino ad arrivare a quasi 500 milioni di contatti una manna per gli sponsor …

Una struttura organizzativa che da semplice palco su un casinò di Lugano è diventata una mastodontica organizzazione faraonica dai costi esorbitanti ma con entrate assai imperiose.

Dopo il 1990 con la vittoria dell’Italiano per antonomasia Toto Cutugno “Insieme 1992” dove già si evinceva quello che sarebbe diventato il concorso …

Fiumi di parole si tutte in inglese o quasi come nella mia gita a Londra nel lontano 1995 dove nell’ hotel London Park ma io l’avevo ribattezzato London Cess per l’estrema pulizia e ricordini organici vari c’era una flotta di ragazzi di tutte le nazioni che comunicava con un inglese artificioso e di cui birra alcool e sesso occasionale erano gli unici ideali ….

Noi italiani eravamo differenti ancora incatenati alle nostre tradizioni e usi e consumi e soprattutto cucina …aggiungiamo pure la musica …

Questo è oggi l’Eurovision song ….. un ammasso di stati con canzoni tutte uguali e con una lingua unica ….

Ma faccio un gioco col povero Zazzu e con voi !!!! quante canzoni vi ricordate di questa manifestazione pro sponsor ????

 

Tolto Zitti e buoni dei nostri Maneskin che sono riusciti a legare il rock metal alla lingua di Dante cosa rimane di canzoni su canzoni ….

 

Tolto forse la più bella e famosa Waterloo degli storici Abba ve ne ricordate altre ???

Save your  kisses for me del clone inglese degli Abba ovvero Brotherhood for man tradotto fratellanza tra i popoli ..

Una fratellanza che è stupenda quando è sincera e spontanea, ma quando è forzata diventa un nulla da storia infinita …

Potremmo ricordare l’allegra canzone del gruppo inglese Bucks Fizz Making your Mind up …ma l’atto di togliere la sottana degli Abba inglesi non sarebbe più accettato al giorno d’oggi …

Una manifestazione che nel 1988 ha visto la vittoria della mitica Celin Dion con bandiera Svizzera ..

La tanto bistrattata Fiumi di parole si classificò 4 ° a Dublino poi il nostro paese …

Nel 2006 un lampo in un cielo di noia col gruppo heavy metal fillandese dei Lordi con Hard Rock Hallelujah …

Una manifestazione che tra vittorie di donne barbute e altro non ha mai fatto parlare per le sue canzoni …

Una bellissima confezione fatta bene imperiosa ma con dentro nulla …intanto la manifestazione si allarga anche a paesi extraeuropei …

Una manifestazione secondaria per il nostro paese portata alla ribalta dalla vittoria dei Maneskin con relativa organizzazione dell’evento 2022 …

La città di Torino ha vinto la sfida per ospitare questo grande evento europeo che porta tra le sue mura una manifestazione enorme dopo le olimpiadi del 2006 …

Inizia stasera e vedremo, ma soprattutto speriamo di ascoltare qualche canzone da pelle d’oca perché tutto questo baraccone senza cuore non ha prodotto capolavori della musica ma contribuisce allo show business che è diventata la musica oggi purtroppo ci sono due generazioni convinte che la musica è questa cosa qui …

Io aspetto sempre un’altra Waterloo ….canzone bella degli Abba non la disfatta della musica di adesso …

Massimo Moletti, Duca di Saronno

 

Articolo precedenteDairago: uno spazio per gli appassionati di scacchi con il gruppo cittadino
Articolo successivoToyota, tecnologia a celle combustibile per autobus di Daimler