ETVilloresi e Sindaci al lavoro per la sicurezza nel Naviglio Grande: insieme per un turismo sostenibile, verde e più sicuro per tutti

    91

    ROBECCO – La sicurezza prima di tutto. Il 28 giugno 2017 nel Comune di Robecco sul Naviglio, per iniziativa del sindaco Fortunata Barni, si è insediato ufficialmente il “Tavolo dei Sindaci del Naviglio Grande”, alla presenza del presidente del Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi Alessandro Folli.
    Lo scopo è stato di concordare le misure da adottare per salvaguardare l’incolumità dei cittadini e ridurre il rischio di possibili incidenti, spesso con risvolti drammatici, lungo il corso del naviglio, che nella bella stagione è utilizzato incautamente per fare il bagno e trovare refrigerio, nonostante il divieto di balneazione.
    Superata la fase emergenziale estiva, i sindaci continueranno a collaborare per avviare una fase più progettuale volta a garantire e promuovere un turismo di qualità e in sicurezza attraverso adeguati interventi lungo il canale.
    Al Tavolo di lavoro sono stati invitati i Comuni dell’asse del Naviglio Grande. Alla prima riunione dello scorso 28 giugno in particolare hanno partecipato amministratori e funzionari di: Abbiategrasso, Bernate Ticino, Cuggiono, Magenta, Robecco sul Naviglio e Turbigo. Erano presenti anche il segretario comunale Tiziana Della Monica, il comandante della Polizia Locale Pierluca De Vecchi e il dirigente dell’Ufficio Tecnico Luigi Dameno di Robecco sul Naviglio, nonché il neo sindaco di Cuggiono Maria Teresa Perletti e il sindaco di Magenta Chiara Calati, che ha subito posto l’attenzione sulla necessità di un’efficace e costruttiva sinergia intercomunale per meglio tutelare e valorizzare il territorio e partecipare anche a specifici bandi regionali ed europei. I sindaci, oltre ad affrontare la situazione emergenziale, legata al mancato rispetto del divieto di balneazione nel periodo estivo, hanno l’intenzione di sviluppare progressivamente una fase progettuale per mettere in sicurezza le piste ciclabili lungo il naviglio e in generale per sostenere un turismo più sostenibile, verde e sicuro per tutti.
    L’incontro del 28 giugno è stato proficuo. Gli amministratori hanno affrontato le questioni legate al rispetto del divieto di balneazione e, più in generale, quelle connesse al corretto utilizzo delle Alzaie e del Sistema Navigli. Si lavorerà all’elaborazione di un documento congiunto che sarà portato all’attenzione della Regione Lombardia e nelle prossime settimane si organizzeranno dei nuovi incontri.
    Il Consorzio Est Ticino Villoresi ogni anno, in questo periodo, emana un’ordinanza di divieto di balneazione. Il metodo repressivo, come emerso con chiarezza durante la riunione di Robecco con i sindaci del territorio, da solo non basta: l’ente ha competenza su un territorio assai vasto che si estende su oltre 4.000 km di canali e con 501 Comuni. È praticamente impossibile un controllo capillare.
    Per questa ragione Consorzio e Comuni del Naviglio Grande intendono promuovere anche una campagna di prevenzione e educazione, in sinergia con le Polizie locali e altre realtà che operano nel territorio, come per esempio le Guardie del Parco del Ticino o le Guardie Ambientali (GADIT), che hanno già in essere una convenzione con Robecco sul Naviglio e altre Amministrazioni comunali. Altro importante obiettivo è appunto quelli di educare le nuove generazioni per sviluppare il senso civico e il rispetto del territorio, anche con il supporto di associazioni.

    Articolo precedenteSalute Donna Onlus: 8 luglio apertura del nuovo ambulatorio a Marcallo con Casone
    Articolo successivoMovimento Popolare Dignità e Lavoro: l’analisi del voto