ESCLUSIVO – Sc Project, Stefano Lavazza e Marco De Rossi hanno un altro sogno: tornare a Magenta

    250

    Parlano gli imprenditori ‘under 37’ Stefano Lavazza e Marco De Rossi, che hanno creato dal nulla una della realtà mondiali di riferimento nel settore della MotoGP

    CASSINETTA DI LUGAGNANO – Se a corredo di questo pezzo ci fosse scritto MAGENTA, loro, sarebbero molto più contenti. E non per fare un torto alla piccola (e bella) Cassinetta, ma perché a Magenta Marco e Stefano sono nati e cresciuti. Certo, ne è passato del tempo da quando questi imprenditori classe 1980, compagni di classe alle elementari ed amici negli anni successivi cominciarono ad avere la passione per le due ruote che hanno poi trasformato in imprenditoria vincente.

    La SC-Project è oggi un’azienda modello nel Mondo, con 50 dipendenti e un trend di crescita a due cifre (con un 4 davanti) negli ultimi 4 anni. Dalla zona sud di Magenta (dove sono cresciuti), Marco e Stefano andarono successivamente a Marcallo, nel 2009. “A un certo punto anche quel posto ci stava stretto”, ricorda Lavazza, “e allora, tra il 2011 e il 2012, cercammo con insistenza uno spazio- terreno o capannone per dare a SC una sede più grande e in tempi ristretti”. Misero cosi gli occhi sugli spazi in via di dismissione di una storica azienda magentina, sempre in zona sud; purtroppo la pratica si complicò (la burocrazia italiana, ahinoi, la conosciamo tutti), ecco perché Lavazza e De Rossi si stabilirono a Cassinetta. Dove occuparono prima un capannone, poi due, infine tre.. Nel breve volgere di 3-4 anni, l’azienda è passata dai 5 dipendenti di un tempo ai 50 di oggi (dipendenti in crescita di oltre 15 unità all’anno), è storia ben nota e conosciuta (l’assessore Luca Del Gobbo ha fatto visita ad SC nelle scorse settimane ed in passato anche il Vice Presidente del Consiglio Regionale Cecchetti è stato in SC). Marco De Rossi e Stefano Lavazza sono stati anche i vincitori del Premio Rosa Camuna 2015, massima riconoscenza per meriti da parte della Regione Lombardia, premio consegnato ai due magentini direttamente dalle mani del Presidente Maroni. Grazie alla grande passione e a spiccate capacità imprenditoriali dei giovani titolari, Regione Lombardia ha voluto riconoscere lo sforzo della loro azienda, “che si è imposta come leader mondiale tra i produttori di impianti di scarico per motociclette, dalle stradali alla MotoGP”, recava la motivazione dell’ambito premio dorato con l’effige del simbolo della Lombardia. SC infatti, per le prossime due stagioni, sarà il fornitore ufficiale degli impianti di scarico sulle RCV213V di Marc Marquez e Dani Pedrosa, anche gli scarichi SC sono presenti sulle MotoGP da oltre 7 anni. Il marchio è stabilmente presente nel Motomondiale e nel Campionato del Mondo Superbike: un esempio è la collaborazione nelle stagioni 2015-2016 con la squadra Ajo Motosport Moto2 del bicampione del mondo Johann Zarco. Ma nella mente di Stefano e Marco, che girano il mondo in lungo e in largo (sono in partenza per il Qatar per la prima gara MotoGP del 2017), c’è sempre un ronzio: Magenta, Magenta.. Ma come, in che modo? “Oggi la nostra attività è a Cassinetta, dove abbiamo fatto degli investimenti immobiliari importanti dove siamo proprietari di oltre 8000 mq di proprietà, continua Stefano. Che però legge, si informa, si documenta.. “Seguo da vicino la vita della mia città, alla quale sono molto legato e dove vivo. E quando leggo del sindaco che parla di aree dismesse, ex Saffa, ex Novaceta, beh..’. Ti viene voglia di tornare? ‘Spostare in toto la produzione no, ora non ci è possibile, il nostro insediamento industriale è in continua crescita, abbiamo appena acquistato la proprietà adiacente alla nostra, aggiungendo oltre 4000 metri ai 4500 esistenti e la sede principale dell’azienda è ormai a Cassinetta; visti gli sforzi milionari per creare una sede tecnologicamente avanzata per lavorare nel Mondo della MotoGP, spostarsi sarebbe impossibile e troppo dispendioso. Ma qualcos’altro certamente sì. La fantasia non ci manca.

    Aggiunfe Stefano Lavazza: “Vorrei sottolineare il fatto che l’SC è nata a Magenta, che io e il socio Marco siamo Magentini di nascita e li siamo cresciuti. Tengo sempre nel far presente in articoli e comunicati stampa che l’SC-Project è una azienda Magentina, perché cosi la reputiamo, anche se ora la sede è a 5 km da Magenta, verso l’abbiatense. Ci farebbe molto piacere che anche le istituzioni magentine riconoscesseri che al momento l’azienda leader nel settore impianti di scarico per moto, presente in tutte le categorie del Motomondiale e della Superbike, è nata a Magenta, creata da due magentini, premiati dalla Regione Lombardia, mentre nessun cenno è mai arrivato dal nostro Comune, né per i titoli Mondiali vinti né per il premio regionale assegnatoci. Abbiamo ricevuto riconoscimenti dalla stampa locale, nazionale ed internazionale dove il nostro successo imprenditoriale e nel Motorsport sono stati scritti e riportati su testate e riviste europee, americane, giapponesi, australiane, russe e nel sud est asiatico, ma nessun cenno dal nostro comune di residenza, e questo non ci ha fatto certo piacere. La mia non vuole essere e non è una critica, ma un sottolineare che qualche mancanza c’è stata, considerando che molti dei dipendenti di SC sono dei magentini ed in tempo di crisi questo deve essere degno di nota. Consideriamo che quest’anno siamo in lotta per vincere ben 4 Campionati del Mondo, a partire dalla MotoGP con il pilota più forte del Mondo, portacolori SC, Marc Marquez e con i nostri altri piloti che sono in cima alla lista dei papabili per vincere i Mondiali Moto2, Moto3 e Supersport con MV Agusta, azienda della quale siamo partner unico per l’impiantistica che ci riguarda. Abbiamo i piloti più forti del Mondo, e dopo due Mondiali vinti in Moto2 ora dobbiamo tentare di vincere la MotoGP, e vogliamo farlo con il pilota più forte del Mondo, Marc Marquez, sulla moto migliore del Mondo, la Honda RC213V del Team Repsol.. e tutto questo da dove è partito? Da Magenta! Altra operazione industriale (e di passione) che abbiamo fortemente voluto e portato al termine tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 è l’acquisizione del Marchio storico Paton (maggiori info qui su Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Paton ) emblema delle due ruote milanesi e italiane, l’azienda storica che ha prodotto motociclette da corsa a Milano fondata nel 1958 da Giuseppe Pattoni, un precursore delle moto da competizione in Italia, che ha creato motociclette di altissimo livello che hanno disputato il Motomondiale nella mitica categoria 500 2 tempi. Ora la Paton è di proprietà della SC, e si è spostata nei nostri stabilimenti a Cassinetta; “abbiamo salvato uno storico marchio milanese” perché noi siamo magentini e di conseguenza milanesi, e per noi che esportiamo i nostri prodotti in tutto il Mondo è un orgoglio immenso essere proprietari anche dello storico marchio delle vere motociclette di Milano, che nascevano verdi come il colore della bandiera della Lombardia.. da Milano in tutto il Mondo, a battagliare con i colossi del settore! Ci sarebbe piaciuto poter dire che la storica Paton è ora a Magenta (nostra città natale) e veder scritto “Magenta” come sede produttiva di Paton Moto su Wikipedia, e non Cassinetta, che è una cittadina splendida, ma non è la nostra.

    ‘Se ci fossero le giuste condizioni, metteremmo un piede a Magenta domattina, dove vorremmo essere più presenti”.

    Uomo (e giunta) avvisati.. Noi di Ticino Notizie, che amiamo parlare di aziende che funzionano e non di aziende che chiudono, di belle notizie e non di cattive notizie, perché amiamo questa terra come la amano Stefano Lavazza e Marco De Rossi, diciamo solo una cosa alle oltre 150mila persone che ogni mese vengono a leggerci. Se SC aprisse qualsiasi cosa a Magenta, QUALSIASI cosa, saremmo in prima fila ad applaudire. Anche la mattina presto. Certe occasioni vanno prese al volo. Visto che si parla di moto.. da corsa.

    Fabrizio Provera

    Articolo precedenteOzzero, la raccolta differenziata vola all’81%
    Articolo successivoLa Polstrada di Magenta recupera 7 biciclette da corsa e ‘salva’ la campionessa Letizia Paternoster