ESCLUSIVO Magenta, sondaggio sulle comunali in arrivo. E intanto, il 5, Invernizzi andrà da D’Alema…

    68

    A poco più di due settimane dal voto, in corso rilevazione telefonica i cui risultati saranno elaborati settimana prossima. E il 5 giugno, intanto..

     

    MAGENTA – Le prime telefonate sono arrivate nelle case dei magentini tra mercoledì e giovedì. Uno dei più noti istituti demoscopici italiani, che elabora sondaggi elettorali per i principali quotidiani e le emittenti televisive, sta effettuando una rilevazione per tastare il polso della città in vista del voto di domenica 11 giugno.

    Una ricerca analoga fu commissionata a Swg nel recente passato per valutare gradimento di Marco Invernizzi e i vari settori della macchina amministrativa.

    Adesso, invece, si valuterà la consistenza numerica dei cinque candidati in corsa per lo scranno da sindaco. Quello che filtra da tutti gli istituti, sino ad oggi, è che i 5 Stelle saranno fuori da tutti o quasi i ballottaggi delle grandi città. Il che sembra confermare quello che Ticino Notizie scrive da mesi: i grillini, a Magenta, potrebbero faticare a raggiungere la doppia cifra, oppure rimanere nella forchetta tra 8 e 12%. A quel punto diventa essenziale chiedersi dove andranno i voti in libera uscita dai pentastellati, che se valgono il 25% nel giorno delle politiche (e il 10, 12 o il 5 come successo a Turbigo) in quello delle comunali diventano l’ago della bilancia.

    Invernizzi e Calati sono dati il primo tra una forbice del 30-38%, da chi si occupa di politica a Magemta, e tra il 25-32% la seconda. A questo punto, quanto varranno Silvia Minardi e Giuseppe Rescaldina? Entrambi sono accreditati di una forbice tra il 4 e l’8%. Ma se Giovanni Caso dovesse valere il 12%, la Minardi 7 e Rescaldina 5 o 6, resterebbe circa il 75% del consenso per Invernizzi e la Calati. 

    Nel frattempo, le diplomazie si muovono. Ed ecco farsi consistente la voce che il 5 giugno prossimo, la sera in cui Massimo D’Alema verrà a sostenere Articolo 1 e Giuseppe Rescaldina, Marco Invernizzi sarà in prima fila.

    Un segnale dal forte valore simbolico. Del resto, vale sempre l’antico adagio ‘pas d’ennemis a gauche’.

    Articolo precedenteFabrizio Ispano (Forza Italia): “Perchè per fare qualcosa di bello, ti ci devi mettere…”.
    Articolo successivoMagenta, da oggi via Mazenta a senso unico (in applicazione al Piano del Traffico)