ESCLUSIVO – Abbiatense, arrivati i primi 5 migranti a Gudo Visconti

    84

    Il sindaco Cirulli: ‘Accolti in un appartamento privato, a spese della Prefettura e con la gestione di una cooperativa. Il nostro Comune non ha strutture per l’accoglienza”

    GUDO VISCONTI – La notizia che circolava da ieri nei corridoi della politica abbiatense trova conferma stamani. A Gudo Visconti sono arrivati 5 richiedenti asilo, su disposizione della Prefettura di Milano, che come noto da mesi ha proposto ai Comuni dell’Abbiatense  Magentino che ancora NON ospitano migranti di accogliere quelli che potranno essere assegnati, in virtù dei bandi pubblici con cui il Governo dota le Prefetture dei fondi necessari (oltre 30 milioni di euro per la sola Milano nel secondo semestre del 2016).

    I migranti sono ospitati nell’appartamento privato di un cittadino (una seconda casa, in pratica) sotto l’occhio di una delle cooperative che rispondono ai bandi emanati appunto dalla Prefettura.

    “Siamo stati informati dell’arrivo dei richiedenti asilo, anche se ovviamente non sin tratta di una struttura comunale”, spiega il sindaco Omar Cirulli (nella foto sotto), alla guida di un paese di circa 1.700 abitanti. “Non abbiamo a disposizione spazi adatti all’ospitalità dei richiedenti asilo, ma ovviamente se c’è un accordo tra privati e Prefettura l’ospitalità scatta di conseguenza”.

    Avete  notizie dell’arrivo di ulteriori migranti? “No, e non credo che ne arriveranno altri. Siamo pur sempre un paese dalle ridotte dimensioni”.

    La notizia è inevitabilmente destinata a deflagrare in polemica, considerando che nei giorni scorsi il Fronte del No (ossia i Comuni che non intendono accogliere migranti) ha scritto al Prefetto e illustrato le sue ragioni.

    Vogliamo – ha detto Massimo Olivares, primo cittadino di Marcallo con Casone – presentarci al Prefetto con una posizione unica e condivisa. Non troviamo corretta la logica degli SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) per una serie di ragioni”. ùIn primo luogo, Olivares anche a nome degli altri colleghi evidenzia il tema degli spazi.Non tutti i Comuni dispongono di strutture adeguate all’accoglienza. Inoltre, c’è una questione di tempi non indifferente“.

    Sulle stesse posizioni anche Vermezzo, Cisliano e Boffalora. Ed ora, con l’arrivo dei primi migranti a Gudo, è realistico pensare che a stretto giro di posta ne arriveranno altri nei Comuni dell’Abbiatense Magentino.

     

    Articolo precedenteAbbiategrasso, podi internazionali per il Funakoshi Karate al World Championship di Ferrara
    Articolo successivoMigranti/2, mercoledì 17 un incontro ad Albairate