Elezioni politiche, il cronoprogramma per voto e presentazione liste

    80

     

     

    ROMA – E’ partito il conto alla rovescia per chi vorra’ diventare un parlamentare della Repubblica la notte del 4 marzo, dopo il voto che si svolgera’ dalle ore 7 alle ore 23. La campagna elettorale e’ in pieno svolgimento e le nuove Camere si riuniranno per la prima volta venerdi’ 23 marzo. Il primo passaggio politico della nuova legislatura sara’ l’elezione dei Presidenti di Senato e Camera. Il governo Gentiloni e’ nel pieno dei suoi poteri, non essendosi dimesso e non essendo stato sfiduciato. Il Governo, ai sensi dell’articolo 94 della Costituzione, deve avere la fiducia delle due Camere.

    Di seguito la cronologia dei passaggi che ci porteranno alle urne e di quelli immediatamente successivi al voto.
    – dalle ore 8 del 19 gennaio alle ore 16 del 21 gennaio:
    deposito al Viminale dei simboli, delle dichiarazioni di collegamento in coalizione, del programma elettorale, recante anche l’indicazione del capo della forza politica. I simboli vanno presentati per le circoscrizioni italiane ed estere.

    – 22 e 23 gennaio: il Viminale verifica la regolarita’ dei contrassegni (simboli). Lo stesso Viminale invita a modificare i simboli confondibili. Sono ammessi ricorsi contro l’invito a regolarizzare il proprio contrassegno entro il termine di 48 ore. L’ufficio elettorale centrale nazionale presso la Corte di Cassazione decide entro 48 ore dal ricorso.

    – dalle ore 8 del 28 gennaio alle ore 20 del 29 gennaio:
    presentazione delle liste e delle candidature presso la Cancelleria della Corte d’Appello o del Tribunale di ogni singola circoscrizione elettorale italiana. Per le circoscrizioni estere le liste e le candidature vanno presentate alla Corte di Appello di Roma. Chi non aveva un gruppo parlamentare in almeno una delle due Camere al 15 aprile scorso dovra’ anche portare le firme a sostegno delle candidature in ogni singola circoscrizione.

    – 30 gennaio: ciascun Ufficio centrale elettorale circoscrizionale verifica la regolarita’ della presentazione delle candidature. Entro 48 ore sono ammessi ricorsi all’Ufficio elettorale centrale nazionale presso la Corte di Cassazione contro le decisioni dell’Ufficio circoscrizionale.

    – 31 gennaio: pubblicazione sul sito Internet del Viminale dei simboli depositati. Esercizio dell’opzione per il voto per corrispondenza nella Circoscrizione Estero da parte dei cittadini italiani temporaneamente all’estero e dei loro familiari conviventi, che si trovino all’estero, per almeno tre mesi, per motivi di studio, lavoro o cure mediche.

    – 2 febbraio: nomina dei presidenti di seggio.

    – entro il 4 febbraio: il Viminale comunica alla Farnesina l’elenco degli elettori temporaneamente all’estero.

    -dal 7 al 12 febbraio: designazione degli scrutatori.

    – entro l’8 febbraio: pubblicazione sul sito internet del Viminale delle liste dei candidati.

    Articolo precedenteElezioni Lombardia, tutte le informazioni tecniche
    Articolo successivoGenerazione Dem: il libro di Francesco Prina