Elezioni, Massimo Garavaglia: “Candidato al Senato nel Collegio 2 Piemonte, ma l’est Ticino resta la mia vera priorità da sempre”

525

Forse non è noto a tutti – vista l’attuale legge elettorale –  ma il ministro al Turismo, Massimo Garavaglia, guiderà la lista della Lega al Senato per il Collegio Piemonte 2.

 

Massimo Garavaglia, per tutti noi solo e semplicemente #Sgara, è residente a Marcallo con Casone, dove è stato sindaco per due mandati, e da qui ha spiccato la sua carriera politica di assoluto spessore che lo ha portato ad essere, tra le altre  (tante) cose, il Senatore più giovane nella storia della Repubblica sino ai più recenti e prestigiosi incarichi di governo. 

Garavaglia è stato scelto come capolista, dunque,  per un Collegio che comprende anche il territorio di Novara, quindi, che quanto meno lambisce l’area del Ticino. Ma la “stranezza” (insita nella legge elettorale) permane.

Ed è stato lui stesso ad evidenziarlo, parlando di una legge elettorale, il cosiddetto ‘Rosatellum’ che certamente non esalta la democrazia diretta e che di questi tempi, soprattutto, non stimola granché il popolo a recarsi alle urne.

L’attuale Ministro del Turismo e certamente tra le figure più rappresentative e di ‘peso’ dentro al Carroccio, soprattutto, lo ha fatto per ben evidenziare un altro concetto fondamentale:

Posto che l’attuale legge certamente andrebbe rivista, ciò che più mi sta a cuore è ribadire che come sempre continuerò ad occuparmi dei problemi del mio territorio di riferimento, l’est Ticino“.

Massimo Garavaglia, Francesco Prina, Luca Del Gobbo: tre figure centrali per la storia politico istituzionale  dell’est Ticino. Tutti e tre (e non sarà un caso) hanno iniziato la loro storia politica come Sindaci, rispettivamente di Marcallo con Casone, Corbetta e Magenta.

Alle scorse elezioni Garavaglia fu candidato ed eletto nel collegio di Legnano. Questa volta, come detto, il collegio è il Piemonte 2. Ma la sostanza non cambia: ‘Sgara’ resta (giustamente)  resta ben ancorato al suo territorio. Le questioni d’altronde da affrontare e chiudere sono parecchie e tutte di peso. A cominciare dalla famosa prosecuzione della Malpensa Boffalora in direzione Vigevano.

Ma accanto ai collegamenti strategici c’è tutta la partita del post EXPO, le Olimpiadi di Milano Cortina, che bussano alla porta, senza dimenticare l’esigenza di creare i presupposti (ove possibile) per operazioni come quella della Vetropack in quel di Boffalora sopra Ticino, che porteranno lavoro e sviluppo in una zona che ha fame di nuova occupazione di qualità e che non aspira sicuramente a diventare una sorta di “hinterland dormitorio” dentro alla Grande Milano.

Massimo Garavaglia su questo e tanto altro, risponde ‘presente’.

 

Articolo precedenteRobecchetto con Induno: al via i corsi su Linkedin, Famiglia e Social
Articolo successivoBcc di Busto Garolfo e Buguggiate, utile da 10 milioni di euro nel primo semestre 2022