Elezioni, l’appello al voto di Robecco Futura

    153

     

    Riceviamo e pubblichiamo

    ROBECCO – La lista Robecco Futura ha come obiettivo primario la salvaguardia del territorio in tutti i suoi aspetti. Non solo nel nostro piccolo ma tutta quella fascia ancora verde che comprende il Magentino-Abbiatense. Ticino e Naviglio assieme alle risorgive, sono le risorse sulle quali abbiamo costruito il nostro passato e vogliamo costruire il nostro futuro. L’asta del Naviglio Grande in particolare deve diventare quel limite invalicabile oltre il quale concentrare la nostra politica amministrativa in un’ottica ambientalista ed ecologista. Una vasta area, all’interno del Parco del Ticino e della Città Metropolitana, da ridisegnare e valorizzare al fine di intervenire in modo concreto e coordinato per renderla fruibile ed apprezzata ancor di più di quanto lo sia tutt’ora. Del resto, l’apprezzamento per quest’area che dista pochi chilometri da Milano, è nota da secoli e ultimamente rilanciata dai media nazionali. Possiamo perdere quest’occasione di sviluppo sostenibile e di incremento delle attività e conseguenti posti di lavoro?

    Certo c’è molto da fare e ne siamo consapevoli, così come siamo convinti di essere debitori nei confronti delle future generazioni. La sfida è culturale prima ancora che economica e sociale e perciò è importante l’aiuto concreto di tutti coloro che si vogliono mettere in gioco in questo stile di vita. La sfida che noi lanciamo e che più ci avvince è il grido lanciato da Greta Thunberg. Questo non è uno slogan per riempirci la bocca ma la convinzione che occorre anche a Robecco cambiare mentalità. Al primo Consiglio Comunale utile chiederemo di adottare integralmente il documento presentato da Greta all’ONU.

    Le nostre proposte sono tante e difficilmente riportabili in questo scritto, ma vanno tutte nella direzione di un radicale e nuovo approccio del vivere quotidiano, a partire dalla mobilità interna (piste ciclabili) e di collegamento con i paesi limitrofi e Milano (combatteremo strenuamente per l’allungamento della Metro fino a Magenta e Abbiategrasso). Moltissime altre misure saranno vagliate, in un’ottica di costi benefici, al fine di rendere sempre più efficiente ed efficace l’azione dei cittadini, al fine di favorire il minor consumo e spreco in tutte le sue forme e generi. Per fare ciò, non possiamo più pensare di poter operare da soli, ma di allargare l’ottica di intervento a tutto il comprensorio Magentino-Abbiatense e in salutare concordanza con la Città Metropolitana, che deve diventare, come il Parco del Ticino e altre Istituzioni, la sede del confronto e non dello scontro.

    Lista civica Robecco Futura

    Articolo precedenteViolenta rissa sulla Milano Mortara, arrestati tre gambiani
    Articolo successivoAl ‘Torno’ di Castano nasce Placement, un progetto per favorire il lavoro