Elezioni/4, Rifondazione Legnano sostiene Unione Popolare e De Magistris

198

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

LEGNANO Ce l’abbiamo fatta. Traguardo firme raggiunto anzi doppiato, con le 60.000 firme raccolte per l’Unione Popolare nei mille banchetti organizzati in tutte le Regioni italiane.

Nonostante l’oscuramento finora subito dalla nostra coalizione sui media e gli ostacoli posti da diverse amministrazioni locali che non hanno accettato il deposito delle liste negli uffici comunali per la sottoscrizione da parte dei cittadini e delle cittadine (anche a Legnano), il 25 settembre saremo sulla scheda elettorale per portare in Parlamento la voce di chi è realmente contro la guerra, per i diritti sociali e civili, per il lavoro dignitoso, per la difesa dell’ambiente.
L’unica lista che può dichiararsi di sinistra, femminista, antifascista, antirazzista e internazionalista, il vero polo alternativo al partito unico della guerra, delle privatizzazioni e della precarizzazione del lavoro, l’alternativa alle politiche neoliberiste e guerrafondaie.
Ringraziamo i cittadini e le cittadine che anche nel Legnanese ci hanno espresso la loro fiducia sottoscrivendo le liste di Unione Popolare: abbiamo tagliato il primo traguardo, le prossime settimane saranno cruciali per far conoscere a tutti i cittadini e le cittadine italiane le nostre proposte per tradurre in scelte concrete i valori che ci ispirano, saldamente radicati nei principi della nostra Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza, e i candidati del nostro collegio elettorale.
Per la Camera dei deputati:
– Stefano Amann (uninominale)
– Luigi De Magistris, Anna Camposampiero, Rocco Spinelli, Mara Ghidorzi (plurinominale)
Per il Senato della Repubblica:
– Nadia Rosa (uninominale)
– Domenico Finiguerra, Giovanna Cardarelli, Nicola Vox, Rita Santa Adriana Campioni (plurinominale)

Articolo precedenteMagenta: ascensore bloccato, due donne liberate dai Vigili del Fuoco senza problemi
Articolo successivoMagenta: urla in via Melzi, intervengono due pattuglie di Carabinieri. Residenti preoccupati: “Abbiamo avuto paura”