Elegia per Cesare Angelini (e il Ticino), di Giuseppe Casarini

    80

     

    Quello che segue è l’omaggio  in versi al Vate di Albuzzano Cesare Angelini, che già della sua vasta opera letteraria qui, su Ticino Notizie, in parte abbiamo  raccontato; Il Vate della “bassa” che amò e cantò di Pavia, delle acque, dei  boschi del suo Ticino e di quel suo ponte rotto in splendida e accorata Elegia.

    A Cesare Angelini

    Il sonno eterno dorme in quel di Torre d’Isola

    Il gran cantor di Pavia e della Bassa quei che

    Di Alessandro al romanzo un gran commento

    Pose  or il Ticino quel fiume da lui amato tanto

    Con dolce lento mormorio dello scorrer suo

    Questo riposo culla e qui dai verdi boschi

    Quei fiori da lui dipinti in prosa e gli uccelli

    Con canti melodiosi lieti  a quel  cantor loro

    Donan profumo e pur lieta dolce compagnia

    Giuseppe Casarini

    Articolo precedenteLombardia, sta rientrando l’emergenza legionella
    Articolo successivoIl Cavalletto, romanzo breve di Ivan D’Agostini- Il ping pong (ultimo paragrafo)