CronacaNews

E’ morta Nadia Toffa: il commovente saluto dei colleghi delle Iene

L'annuncio poco fa. Ha combattuto con grande dignità e coraggio la sua battaglia contro il cancro

MILANO – Dopo una lunga battaglia contro il cancro è morta a 40 anni Nadia Toffa, storica conduttrice e inviata delle Iene. Lo ha annunciato stamattina lo staff della trasmissione tv sulle proprie pagine social. Qui di seguito il commovente post di addio. 

“E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, NON PERDE MAI.
Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi.
D’altronde nella vita hai lottato sempre. 
Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi.
Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la NOSTRA Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.

Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta… il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “IL male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio. 
“Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, – dicevi – che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi”.

E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto.
Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre. 
Niente per noi sarà più come prima”.

 

LA VITA DI NADIA TOFFA 

Era nata a Brescia il 10 giugno del 1979 è saltata nelle tv degli italiani grazie al programma televisivo de Le Iene su Italia 1. Dopo l’adolescenza passata nella sua Brescia, Nadia studia l’università a Firenze. Il suo esordio in una tv nazionale, arriva con e Iene nel 2009. Tra i più celebri lavori di Nadia Toffa ci sono quelli su presunte truffe compiute da farmacie ai danni del servizio sanitario nazionale, quelli sulla proliferazione delle sale slot machine, quello sullo smaltimento illegale dei rifiuti in Campania per mano della camorra, sul crescente tasso di tumori nel “triangolo della morte” tra Napoli e Caserta e sulla “terra dei veleni” a Crotone. Nel 2015 debutta alla conduzione con il talk show di Italia 1 Open Space, ideato dai produttori delle Iene. Dal 2016 affianca Pif e Geppi Cucciari alla conduzione di Le Iene. Poi lo fa con Matteo Viviani, Andrea Agresti, Paolo Calabresi e Giulio Golia. E infine, nel 2018, con Nicola Savino.  Il 15 aprile 2015 vince il primo premio nella sezione TV del Premio Internazionale Ischia di Giornalismo. A giugno 2018 vince Premio Luchetta per un reportage, realizzato assieme a Marco Fubini, sulla prostituzione minorile nella periferia di Bari. Poi arriva il cancro e tutto cambia. Il 2 dicembre 2017 è vittima di un malore durante un servizio a Trieste. L’11 febbraio 2018 rivela, durante il ritorno alla conduzione del programma televisivo di Italia 1 Le Iene, che ciò era dovuto a un tumore. Il 13 ottobre 2018, ospite del programma televisivo Verissimo, annuncia di essere ancora affetta dal tumore, ricomparso nel marzo dello stesso anno. Continua la sua battaglia con grande dignità e coraggio fino ad oggi.

 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi