Due magentini in cima ai semifinalisti del Kanguorou di Matematica

88

Stefano Bertani e Valentina Balzarotti hanno appena terminato la classe quinta alla Scuola Santa Caterina di Magenta e l’ansia per la nuova avventura di settembre un po’ si stempera all’arrivo della notizia: sono primi in classifica alle semifinali per la Scuola Primaria del Kangourou Italia della Matematica 2017.
Sono felice! E’ stata un’esperienza entusiasmante, anche se faticosa, avevo dato una risposta in fretta ma pensavo fosse sbagliata – confessa Stefano – la matematica non è proprio la mia materia preferita, lo è di mio papà, ma in questi mesi la maestra ci ha incoraggiato molto”. Mamma Eliana ricorda l’esperienza precedente: “Lo scorso anno era andata bene, nuove forti emozioni ci hanno coinvolto quest’anno”.
Non me l’aspettavo e non ho avuto il coraggio di aprire il file, l’ho fatto vedere prima alla mamma – racconta Valentina – Della nostra scuola eravamo in sei alle semifinali e ci siamo fatti coraggio, è stato appassionante anche l’ambiente perché la gara si è svolta all’Università di Milano. La matematica mi piace parecchio e da grande vorrei fare tante cose, magari la scienziata”. Papà Stefano è orgoglioso “pensare che appena uscita dalla prova ci credeva poco e invece…
Merito degli alunni, ma anche di chi ha voluto fortemente, accanto all’attenzione delle fragilità, anche la partecipazione a queste iniziative che promuovono e valorizzano le eccellenze. “Mi rendono orgoglioso questi risultati e faccio i complimenti a Valentina e Stefano. Il nostro Istituto ha partecipato con 40 alunni della Scuola Primaria e 40 della Secondaria di I Grado per Matematica, ma ha aderito anche al Kangourou dell’Informatica (Bebras dell’Informatica) e al Kangourou dell’Inglese; – ha dichiarato Davide Basano, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Carlo Fontana – è giusto che questi bambini talentuosi abbiano un trampolino, anche di dimensione nazionale per poter esprimere in modo più completo le loro potenzialità. La missione della scuola Primaria è proprio quella di orientare e la partecipazione a questi concorsi diventa l’opportunità in più di scoperta di un’attitudine e di una consapevolezza che va oltre il voto scolastico”.
In classe ad allenare gli alunni la maestra Roberta Ceruti “Primo e seconda classificati, sono stati bravissimi. E’ stata un’ulteriore conferma che in classe bisogna pensare proprio a tutti ed è stato bello vedere quanto un’esperienza così sia riuscita a coinvolgere emotivamente anche i compagni. Personalmente mi sento una sarta che ha avuto tra le mani ottima seta”.
Poco calcolo, soprattutto logica, questo lo spirito della competizione che dalla quarta elementare alla quinta superiore coinvolge circa cinque milioni di studenti di 47 Paesi ogni anno.
Nato in Australia nel 1981 1 introdotto in Europa nel 1991, il Kangourou in Italia ha la collaborazione dell’Università degli Studi di Milano.
In attesa delle finali nazionali che si svolgeranno dal 29 settembre al 1 ottobre a Cervia Mirabilandia, Valentina e Stefano consigliano la prova ai coetanei “perche è una bella esperienza, può far conoscere altre cose, ti aiuta a ragionare in modo diverso”.

Articolo precedenteRobecco: gloria per Matteo Moschetti, campione italiano di ciclismo under 23. Ottavo posto per Raul Colombo
Articolo successivoMagenta: in attesa della Giunta ecco il nuovo Consiglio comunale