‘++Dopo Marcallo, adesso Cuggiono: è ALLARME medici di famiglia

    145

     

     

    Cuggiono – 3000 cittadini senza medico di famiglia? Chiediamo a Regione e ATS un intervento urgente perché questa situazione sia risolta.

     Il medico di famiglia è stato ed è fondamentale per il benessere della persona. Sapeva tutto di te e dei tuoi familiari, doveva garantirti “la salute”, come da principio costituzionale. Doveva essere scelto dal cittadino nell’ambito del comune. Se lo volevi in altra località, dovevi fare esplicita richiesta e presentare il certificato di accettazione da parte del medico. Questo concetto da alcuni anni viene disatteso. I medici vengono assegnati d’ufficio (o viceversa le persone vengono assegnate a un medico) anche fuori dal paese creando notevoli disagi ai cittadini, soprattutto ai più bisognosi e fragili. Questa condizione si è già verificata a Cuggiono pochi anni fa con un medico andato in pensione, senza che chi di dovere provvedesse per tempo alla sua sostituzione.

    Ma si riproporrà a breve in maniera più pesante perché altri 2 medici andranno in pensione a fine giugno: Cuggiono ha 8300 abitanti, escludendo i minori seguiti dai pediatri, dovrebbero esserci 5 medici di base. Oggi a ce ne sono 4, tra breve si ridurranno a 2, la situazione sarà a dir poco drammatica. DENUNCIANDO questa grave situazione (peraltro già al centro dell’attenzione dell’amministrazione comunale) chiediamo a Regione e ATS un intervento urgente affinché si provveda a porvi rimedio.

    ACLI – Centro sociale – AVIS – AIDO – Ecoistituto – Insieme

     

    Questa nostra viene inviata – All’assessore alla sanità di Regione Lombardia Dr.ssa Letizia Moratti – Al direttore A.T.S. (Agenzia Tutela Salute) Milano Dr. Walter Bergamaschi E per conoscenza – Al direttore dell’Ospedale di Legnano Dr. Fulvio Odinolfi – Al Sig. Sindaco di Cuggiono Sig. Giovanni Cucchetti

    Articolo precedenteRobecco Futura: ‘Che vergogna, questi vespasiani’
    Articolo successivo‘+La Lombardia tenta la ripresa: manifattura +8.7% nel primo trimestre 2021