‘+++Don Giuseppe Marinoni trasferito ad Abbiategrasso per proseguire le cure: la sua triplice benedizione alla comunità magentina

    320

    Il parroco, trasferito dal Fornaroli di Magenta al Cantù di Abbiategrasso per proseguire le cure, ci consegna il suo messaggio benedicente: per Gesù, per parrocchiani e amici, per medici e infermieri

    MAGENTA ABBIATEGRASSO «Sono contento di riuscire a parlare, di poter comunicare: sento che la voce finalmente mi segue». Don Giuseppe Marinoni, parroco della Comunità Pastorale di Magenta, ricoverato il 30 aprile scorso per Covid-19, torna ad esprimersi – sia pure per pochi minuti e con una voce che non è ancora del tutto tonante come quella che conosciamo – per affidare un suo pensiero a tutti coloro che in questi giorni gli hanno manifestato attenzione e affetto, attraverso la cura e soprattutto le preghiere per lui.

    «Il mio è un triplice messaggio di benedizione – afferma – Innanzitutto, voglio benedire il Signore perché, pur facendo fatica a pregare nei giorni scorsi, ne ho percepito sempre la vicinanza. Non abbandona mai i suoi figli Dio, che è Padre buono! All’ospedale di Magenta, quando guardavo il Crocifisso appeso al muro, ho sempre avuto la viva impressione di sentirlo vicino, presente. Il mio primo pensiero di lode e di ringraziamento, quindi, va a Lui».

    Don Giuseppe dice di aver ripreso con gioia già da martedì scorso la preghiera della Liturgia delle Ore, servendosi del tablet. «Ho sperimentato ancora una volta che i Salmi diventano “parlanti” in ogni situazione e sempre mi aiutano a benedire il Signore».

    Il pensiero poi corre ai suoi parrocchiani, sia del presente che del passato, e ai moltissimi altri amici: «La seconda benedizione desidero estenderla a tutti coloro – e sono davvero tanti – che mi sono stati vicini. Ho sentito forte la preghiera di tutti voi, membri della Comunità Pastorale di Magenta ma anche di tutte le comunità dove sono stato; ho colto l’abbraccio trasmessomi dal pensiero e dall’affetto corale di tantissima gente che davvero mi ha voluto e mi vuole bene, testimoniandomelo in molti modi: ne ho percepito il calore amichevole, così benefico! Vorrei poter dire a ciascuno di voi, personalmente e a voce, il mio ringraziamento per la vostra vicinanza e per il vostro attaccamento. Grazie!».

    C’è poi una terza benedizione: «la rivolgo a tutto il personale ospedaliero, che ho potuto cogliere come un corpo unico, dove ogni parte compie la funzione che le è propria – afferma don Giuseppe – Già lo sapevo, ma ho visto di persona quest’attività intensa, ben coordinata, notte e giorno, che mi ha fatto sentire custodito e curato: sempre vicini, anche nelle più piccole esigenze. Voglio proprio benedire chi opera negli ospedali di Magenta e di Abbiategrasso. Ho sperimentato la capacità professionale e la dedizione di chi si spende per il bene dei malati. È la benedizione più grande perché, come dice Gesù, ogni volta che si fa anche una piccola cosa per prendersi cura di un malato, in realtà la si fa a Lui. Queste donne e uomini si prendono cura di Cristo ogni giorno».

    Dopo il suo breve messaggio vocale, ora è il momento del riposo, affidato alle mani sapienti e attente del personale medico-sanitario dell’ospedale di Abbiategrasso, dove da lunedì 10 maggio don Giuseppe soggiorna nel reparto di terapia sub-intensiva. Ma non prima di concludere con il saluto a tutti e un accenno al ritorno a casa: «non so quando verrà il momento, ma non ho fretta! Ciò che mi dicono di fare io faccio». E infine, «un pensiero riconoscente ai nostri Santi Patroni Gianna e Paolo VI, insieme a San Giuseppe che, in questo anno a lui dedicato, ‘vigila’ da qualche giorno al centro della Basilica». Anche noi lo affidiamo nella preghiera all’intercessione dei nostri Santi, certi del suo ritorno e in attesa di rivederlo presto tra noi.

    Articolo precedenteCecchetti/Olimpiadi, ’11 miliardi per 60 opere, serve Commissario’. Portateci la strada per Malpensa, ragazzi…
    Articolo successivo‘+Covid, ieri in Lombardia altri 137 ricoverati in meno