Domenica 24 ottobre, “Concerto per il giardino” alla Casa Museo Pogliaghi al Sacro Monte di Varese

206

Clara Schembari al pianoforte e Nadio Marenco alla fisarmonica regalano una mattina in musica per raccogliere fondi da destinare alla valorizzazione e recupero dell’antico parco della residenza dell’artista. Inizio alle 11

 

VARESE –  Pianoforte e fisarmonica per completare il recupero del giardino della Casa Museo Ludovico Pogliaghi al Sacro Monte di Varese. È in programma domenica 24 ottobre, alle 11, il concerto del duo Tanti Tasti; un evento dedicato alla raccolta fondi a sostegno del progetto di valorizzazione e ripristino dello storico parco che circonda la casa eclettica dell’artista. Nell’atelier di Lodovico Pogliaghi, dove è esposto il modello in gesso a grandezza naturale della porta centrale del Duomo di Milano, Clara Schembari al pianoforte e Nadio Marenco alla fisarmonica accompagneranno in un viaggio musicale tra le composizioni di C. Mahr, C. Franck, A. Piazzolla.

«L’appuntamento nasce dalla generosità dei due musicisti che hanno voluto offrire questo concerto a favore della Casa Museo. Ma la generosità chiama generosità: i proventi del concerto saranno, infatti, destinati interamente alla sistemazione e la valorizzazione del giardino della Casa Museo», spiega Elena Castiglioni, di Archeologistics, realtà varesina cui la Veneranda Biblioteca Ambrosiana ha affidato la gestione di Casa Pogliaghi. «Il parco, che si estende per quasi un ettaro, solo in parte è stato ripulito e reso nuovamente agibile grazie a un gruppo di volontari. Da quest’anno è oggetto di un nuovo progetto di valorizzazione. La Fondazione Pogliaghi, con il sostegno di Fondazione Comunitaria del Varesotto, sta portando avanti una serie di azioni per migliorare l’offerta della Casa Museo: l’attenzione è posta sui giovani, a loro in particolare saranno dedicate le iniziative culturali che saranno organizzate nel giardino sistemato durante la primavera 2022. Il progetto prevede la creazione di nuovi spazi di visita e partecipazione attiva. La scelta di valorizzazione del parco in questo momento pandemico è ritenuta significativa al fine di offrire ai visitatori la possibilità di beneficiare di spazi all’aperto in un contesto di alto valore ambientale e culturale».

Anche il pianoforte “Pleyel” che verrà utilizzato per il concerto è frutto di una donazione: per molti anni Serena Klemm Bussola – pianista ticinese, docente di musica e sostenitrice di azioni a favore di giovani talenti della musica – ha garantito un comodato gratuito alla Casa Museo permettendo così di dare vita ai concerti di Casa Pogliaghi dal 2016 ad oggi. Quello del 24 ottobre sarà l’ultimo concerto con questo pianoforte, e quindi anche un’occasione per ringraziarla di tanti anni di sostegno.

Partecipando al concerto si aiuta la Fondazione Pogliaghi a far rinascere il giardino, rendendo nuovamente fruibili ampie aree a organizzare eventi di valorizzazione del parco rivolti a tutti, da concerti a pic-nic culturali.

Il contributo per la partecipazione al concerto è di 20 euro (base) o 30 euro (sostenitore). La prenotazione è obbligatoria e può avvenire scrivendo una mail a info@casamuseopogliaghi.it o telefonando al 3288377206.

 

I DUE MUSICISTI

Nadio Marenco, fisarmonicista – Ha conseguito la laurea in fisarmonica presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano con il massimo dei voti e lode. Svolge attività di concertista in solo, formazioni e orchestre sia in Italia sia all’estero. Presente sul palcoscenico di Sanremo 2017 con la star internazionale Mika, dal 2008 fa parte del Rhapsòdija Trio con il quale si è esibito in numerose occasioni e concorsi internazionali. Fisarmonicista con parti solistiche nell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova durante la prima mondiale del musical sinfonico “Un Americano a Parigi”, ha prestato il suono della sua fisarmonica anche per la colonna sonora del telefilm “Donne” per Rai1 e lo spot televisivo “Grano Armando” nonché a vari altri spot, cortometraggi e lungometraggi di Rai 1, Rai 2, Rai3, Canale 5, Rete 4 e RSI svizzera. Ha inciso per le etichette: Brilliant Classic, Sonyfactory, Rai, Ishtar, Barlumen, Physa. Recentemente ha vinto il primo premio nel concorso per fisarmonicisti solisti “Rotary Milano”.

 

 

Clara Schembari, pianoforte – Ha studiato presso il Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria, dove si è diplomata con il massimo dei voti nel 2000. La sua attività concertistica l’ha portata a esibirsi sia come solista che in formazioni cameristiche nelle maggiori città italiane (in particolare Milano, Torino, Roma, Savona, Parma, Venezia, Firenze, Lucca, Massa Marittima, Foligno, Belluno …) e all’estero in Svizzera, Germania, Singapore (Teatro Esplanade), ottenendo ovunque un caloroso successo di pubblico e di critica. Suona in duo con l’armonicista Willi Burger, con il fisarmonicista Nadio Marenco e il flautista Marco Rainelli, ma svariate sono le formazioni con cui ha collaborato dimostrando una grande versatilità (Monica Elias, soprano; Rocco Parisi, clarinetto; Coro “A. Vivaldi”, Quintetto d’ark, Orchestra di violoncelli Bricconcelli, Dino Cerruti). Negli ultimi anni, si è esibita in una serie di concerti per la Commissione Europea. Dal 2012 organizza eventi musicali e culturali con stagioni concertistiche e progetti sociali.

 

LA CASA MUSEO POGLIAGHI

Residenza eclettica dell’artista milanese autore della porta del Duomo di Milano, si trova lungo il tratto finale del Viale delle Cappelle del Sacro Monte di Varese. Costruita a partire dal 1885 su progetto dello stesso artista, ospita l’internazionale collezione di opere acquistate da Pogliaghi nell’arco della sua lunga vita: reperti archeologici di epoca egizia, greco e romana, opere dall’estremo oriente, quadri, tappeti. Una raccolta che dialoga nelle sale con le opere dello stesso artista, tra le quali spicca il modello a grandezza naturale in gesso della porta centrale del Duomo di Milano.

 

Archeologistics – Fondata nel 2004, è una realtà varesina impegnata nella divulgazione e conoscenza dei beni culturali. Progetta e realizza servizi di gestione museale, educazione al patrimonio, visite guidate e turismo culturale. In Lombardia opera in tutti i quattro siti Unesco Patrimonio dell’Umanità della provincia di Varese e collabora con le principali istituzioni del territorio e con il Ministero per i Beni Culturali. Fornisce consulenza per musei, monumenti e aree archeologiche, luoghi d’interesse storico-artistico e progetta percorsi per scuole e pubblico specialistico. www.archeologistics.it

 

Articolo precedenteRaddoppio Milano Mortara: il Ministero dà il via libera all’opera
Articolo successivoElisoccorso a Robecco sul Naviglio: donna trovata in arresto cardiaco