Domenica 20 torna il Mercato Enogastronomico alla Certosa di Pavia

108

 

 

… L’obiettivo è sempre quello: prendere foodies e turisti per la gola con degustazioni ed assaggi

 

Mercatino Enogastronomico della Certosa

20 Marzo 2022

Dalle 9 alle 18

Via del Monumento, area parcheggio – Certosa di Pavia (Pv)

Per informazioni 347 7264448

(In caso di pioggia la manifestazione verrà annullata)

 

Pavia-  Il MEC torna a giocare in casa: domenica 20 Marzo, infatti, il farmers’ market della Certosa riprenderà possesso dei suoi spazi, dopo qualche mese di assenza, per tornare a prender per la gola turisti e foodies con le eccellenze enogastronomiche dei suoi produttori.

Il farmer’s market della Certosa di Pavia marcherà visita dalle 9 alle 18 di fronte allo stupendo monastero dall’iconica facciata, Chartres della bassa padana all’ombra della quale, la terza domenica di marzo, si animerà di tipicità ed eccellenze, coniugando bellezza e bontà grazie alla presenza del MEC-Mercatino Enogastronomico della Certosa.

Squadra vincente non si cambia: farmers’ market a filiera sincera e garantita, darà al pubblico la possibilità di degustare ed acquistare il meglio della produzione agricola del Pavese, dell’Oltrepo, della Lomellina, della Valtellina e del vicino Monferrato. Nello specifico, il catalogo di tipicità prevede specialità casearie di latte vaccino e, per quanti tengono d’occhio il tasso di colesterolo, anche di pecora e capra; Varzi DOP (prodotto con l’utilizzo del filetto che è la parte più pregiata del maiale) e salame d’oca di Mortara IGP, pregiata produzione lomellina insieme i prosciutti ed il paté di fegato d’oca; vino, riso e offelle, tipica specialità dolciaria di Parona, in Lomellina. Una vetrina che comprende anche nocciole, miele, distillati e liquori artigianali, pasta fresca, confetture, minestre e zuppe a base di legumi.

La Certosa di Pavia, una delle meraviglie italiane che almeno una volta nella vita meritano davvero di essere visitate, si trova tra Milano e Pavia:  dichiarata monumento nazionale italiano nel 1866, diventando così proprietà del Regno d’Italia,  fu eretta a partire dal 1396 per volere di Gian Galeazzo Visconti come sacello funebre della famiglia; il monastero fu ultimato nel 1452 e la chiesa nel 1473. La facciata venne realizzata successivamente dai fratelli Mantegazza e da Giovanni Antonio Amadeo (la parte inferiore) e da Lombardo nel XVI secolo (la parte superiore). L’ingresso alla Certosa di Pavia è gratuito: le visite guidate si tengono alle 9, alle 11,30, alle 14,30 ed alle 17 (il cancello all’ingresso viene chiuso una mezz’ora prima dell’ultima entrata).

Facilmente e rapidamente raggiungibile anche in treno da Milano con comodi treni Regionali (uno ogni ora) o in  bicicletta da Milano, magari seguendo il cammino di Sant’Agostino, la Certosa si trova ad una trentina di chilometri da Milano (linea 2 della metropolitana, fermata Romolo o Abbiategrasso, http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/15-milano-pavia-lungo-il-naviglio-pavese).

Articolo precedenteSan Giorgio su Legnano, sabato 19 il Mercato Contadino di Slow Food
Articolo successivoIl cremoso di capre dell’Agricola di Lainate MEDAGLIA D’ORO al World Cheese Awards