Dodici sfumature di blu: con SI Invernizzi torniamo in Cascina Galizia !

    140

    CUGGIONO –  Per il periodo estivo la rubrica Dodici Sfumature di Blu a cura del Caseificio Si Invernizzi ci riporta in Cascina Galizia dove lo staff delle sorelle Tarantola – Valeria è stata di recente ospite di Ticino Notizie TG per parlare della riuscita rassegna Viniinparco –  ha  preparato per voi due squisite ricette, ovviamente, a base di zola. Buona lettura e, soprattutto, buon appetito !

    TARTARE di MANZO e ZOLA 
    Gorgonzola ed erborinati Caseificio Si Invernizzi in 3 consistenze
    Maionese alla Pesca, pesto di Sedano e cialda di Riso
    INGREDIENTI:
    Filetto o controfiletto di manzo Limousine azienda agricola La Galizia
    Gorgonzola DOP dolce Bollo nero caseificio SI Invernizzi
    Gergonzola DOP piccante Verde Sì caseificio SI Invernizzi
    Erborinato “Sant’Ambrogio” caseificio SI Invernizzi
    Semi di papavero e spezie
    Riso Carnaroli azienda agricola La Galizia
    Pesca
    Sedano
    Olio Extra Vergine di Oliva del Garda
    Olio per friggere

    PREPARAZIONE:
    Per la Tartare battere a coltello il manzo, aggiungere un poco di olio EVO, sale e pepe e lasciare in
    una ciotola ad insaporire. Per la maionese pulire una pesca, sbucciarla e frullarla, unire a filo l’olio EVO e continuare a frullare con un mixer ad immersione, correggere con sale e pepe.
    Stesso procedimento per il pesto al sedano usando le foglie più verdi, sbollentate prima in acqua calda salata e poi raffreddate velocemente in acqua e ghiaccio per mantenerne il colore acceso.
    Per le cialde di riso bollire il riso carnaroli portandolo molto avanti di cottura, una volta cotto frullarlo e spalmarlo su una teglia, su cui si sarà messa della carta da forno, e metterlo in forno a 100° per circa 1 ora. Terminata la cottura al forno, lasciare raffreddare e poi friggere a 170°.
    Preparare delle palline con il Gorgonzola DOP dolce e piccante e far rotolare su dei semi di papavero e spezie. Tagliare a cubetti il formaggio erborinato “Sant’Ambrogio”. Per la composizione del piatto, utilizzare un piatto piano e, con un cucchiaio, fare dei “baffi” di pesto al sedano e con una sache a-poche delle decorazioni con la maionese alla pesca, appoggiare poi le quenelle di tartare di manzo, le palline di Gorgonzola DOP, due cubetti di
    formaggio erborinato e, infine, le cialde di riso.

     

    RAVIOLINO al Gorgonzola DOP Bollo Nero
    Pesce SALMERINO del Ticino
    Estratto di Sedano e Mela
    INGREDIENTI:
    Farina 00
    Tuorli d’uovo di cascina
    Gorgonzola DOP dolce Bollo nero caseificio SI Invernizzi
    Filetti di salmerino del Parco del Ticino
    Mele verdi
    Sedano
    Foglioline verdi decorative
    Olio Extra Vergine di Oliva del Garda


    PREPARAZIONE:
    Impastare la farina con le uova e aggiustare di sale, stendere con il mattarello la pasta ottenuta e posizionare dei cucchiaini di Gorgonzola DOP dolce poco distanziati fra loro, avvolgere con la pasta e ricavare i raviolini.
    Per l’estratto tagliare a pezzetti il sedano e la mela verde e mettere il tutto nell’estrattore, in alternativa, frullare con un mixer ad immersione e filtrare il tutto con un colino, salare e lasciare
    riposare per circa un’ora.
    Nel frattempo mettere a bollire l’acqua in una pentola e preparare una padella antiaderente con un filo di olio EVO, quando l’olio sarà ben caldo mettere i filetti di salmerino a rosolare e i raviolini nell’acqua bollente salata per pochi minuti.
    Togliere i raviolini dall’acqua e metterli insieme ai filetti di salmerino facendoli saltare in padella. Per la composizione del piatto utilizzare un piatto fondo in cui appoggiare i raviolini ben caldi con qualche foglia verde ed i filetti di salmerino. Mettere l’estratto di sedano e mela verde in un piccolo bricco e versare tiepido, al tavolo, sui raviolini.

    BUON APPETITO … e se la preparazione vi risulta un po’ complicata in CASCINA GALIZIA potere
    degustare il piatto per tutta l’ESTATE!

    Articolo precedenteTrecate incorona Rebecca Galluzzo, vincitrice di Miss Miluna
    Articolo successivoMagenta, via Dante: “Quel muro di cinta che sta crollando è pericoloso”