Distretto Sanitario di Corsico. Gallera: “Troveremo soluzione adeguata per potenziare i servizi per i cittadini”

    79

    CORSICO –  “Ascolteremo la voce dei cittadini e le istanze di tutte le Amministrazioni comunali di questo
    territorio, per trovare una qualificazione dei servizi socio-sanitari adeguata e funzionale. Per ora fermiamo le
    lancette, nessuno sara’ penalizzato”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera a margine del sopralluogo che ha effettuato nei locali dell’ex distretto socio-sanitario di Corsico (MI), accompagnato dai direttori generali dell’Ats Citta’ Metropolitana di Milano Walter Bergamaschi e dell’Asst Rhodense Ida Ramponi, insieme ai referenti delle strutture locali.

    REGIONE PRONTA, NON PERDEREMO TEMPO – “Regione Lombardia e’ pronta a investire risorse ed energie per questo territorio – ha assicurato Gallera -. Non perderemo tempo. Dopo aver incontrato il primo cittadino di Cesano Boscone e il commissario prefettizio di Corsico, ascolteremo i sindaci delle altre comunita’ locali che afferiscono a questi presidi. Andremo poi a ipotizzare un intervento che verra’ sottoposto anche alla futura
    Amministrazione comunale di Corsico”.

    ESIGENZE DEI RESIDENTI PUNTO FERMO – “Un punto fermo – ha detto l’assessore – e’ rappresentato dalle esigenze dei residenti, in particolare di coloro che abitano nei popolati quartieri Lavagna e Tessera (nella vicina Cesano Boscone)”.

    SITUAZIONE COMPLESSA, CHE SAPREMO AFFRONTARE – “La situazione e’ caratterizzata anche dalla complessita’ e dalla frammentarieta’ dei servizi a fronte delle dislocazioni residenziali – ha concluso l’assessore Gallera, che, nel corso della visita, si e’ soffermato ad ascoltare le proposte di alcuni cittadini – ma
    sapremo affrontarla nel migliore dei modi insieme alle Istituzioni di riferimento”.

    Articolo precedenteParabiago: lungo via Spagliardi avviati i lavori per la realizzazione del secondo lotto piste ciclabili
    Articolo successivoMagenta, Islam. La risposta dell’Amministrazione alla decisione del TAR