Disabilità e lavoro: dalla Regione arrivano 77 milioni di euro per l’inserimento socio lavorativo

Ammontano a 77 milioni di euro le risorse che Regione Lombardia mette in campo per il biennio 2024-2025 a favore dell'occupazione per le persone con disabilità.

Regione. Scurati (Lega): “Lombardia al fianco di chi fa cultura e promuove i territori”

Regione Lombardia ha approvato la delibera che mette a disposizione 5,6 milioni di euro per sostenere progetti in ambito culturale ai soggetti pubblici e...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Con una delibera approvata dalla Giunta, su proposta dell’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e lavoro Simona Tironi, sono stati approvati i criteri per il riparto del fondo e i programmi di inserimento socio lavorativo.

ACCOLTE TUTTE LE RICHIESTE – “Con questo provvedimento – afferma l’assessore Tironi – Regione Lombardia prosegue il lavoro iniziato con il Comitato Disabili, accogliendo tutte le richieste che sono emerse durante gli incontri. Il sostegno all’occupazione delle persone con disabilità costituisce un obiettivo prioritario di Regione Lombardia: lo stiamo perseguendo stanziando 77 milioni di euro per il prossimo biennio e investendo nella formazione e nelle politiche attive al lavoro. Inoltre – prosegue l’assessore – abbiamo previsto anche l’attivazione di tavoli tecnici di confronto: Dote impresa, isole formative e Dote lavoro, a supporto dell’attività del Comitato disabili”.

Il 63% del Fondo, pari a 48,5 milioni di euro sarà destinato al finanziamento delle politiche attive, attraverso i Piani provinciali e da azioni a gestione integrata tra Regione e ‘Collocamenti Mirati’ per l’inserimento dei lavoratori con disabilità.

Il 7% del Fondo pari a 5,4 milioni di euro sarà destinato ad attività di programmazione, gestione, monitoraggio, valutazione, supporto e sostegno alla rete degli operatori accreditati.

Il 30% del Fondo, pari a 23,1 milioni di euro sarà destinato alle attività di inclusione scolastica della persona con disabilità nell’ambito del sistema regionale di Istruzione e formazione professionale: accompagnamento tramite lo strumento dote nel percorso di istruzione e formazione professionale della persona con disabilità senza lavoro e per chi ha ridotte capacità lavorative e opera in situazione di difficoltà.

“Obiettivo prioritario della nuova programmazione – specifica l’assessore Tironi – sarà quello di uniformare su tutto il territorio regionale le misure attivate con le risorse del fondo, continuando a mantenere alti standard di qualità”.

LE NOVITÀ – Per l’azione Dote Lavoro – Persone con Disabilità, avverrà la pubblicazione di uno schema unico per omogeneizzare e sistematizzare le procedure, aggiornando i servizi, i costi standard e permettendo un coordinamento tra la Dote Unica Lavoro Disabili e le altre politiche attive rivolte all’inserimento lavorativo dei disabili.

Saranno elaborati standard qualitativi anche per l’azione ‘Dote Valutazione del Potenziale’ finora considerata parte della ‘Dote Lavoro-persone con Disabilità’, in modo che possa essere applicata in modo uguale da tutti i Collocamenti Mirati e destinata ai nuovi iscritti alle liste della L. 68/99.

ACCOMPAGNARE GLI STUDENTI AL LAVORO – Sarà valorizzata l’azione ‘Alternanza Scuola-Lavoro’, il cui nome tecnico è cambiato in PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento).

È previsto un accompagnamento degli studenti con disabilità in tutte le fasi del processo di avvicinamento nel mondo del lavoro: durante il percorso scolastico, in fase di uscita dal sistema scolastico e nel momento della ricerca del lavoro. Inoltre, sarà possibile attivare programmi di formazione anche per il personale docente delle scuole coinvolte nei progetti.

ATTENZIONE ALLE PERSONE CON DISABILITA’ DA SPETTRO AUTISTICO – Tra le novità principali la possibilità di ampliare la partecipazione a soggetti con età superiore ai 29 anni per i progetti dedicati all’accompagnamento al lavoro delle persone con disabilità dello spettro autistico, fino ad oggi dedicati ai giovani tra i 16 e 29 anni. Tale azione nella nuova programmazione non sarà più considerata sperimentale, ma inserita come azione da attivate in tutti i territori.

È prevista una nuova azione che permetta l’attivazione di un Servizio di interpretariato nel Linguaggio dei segni (LIS)a supporto di tutte le misure a sostegno dell’inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

Sono state poi introdotte alcune modifiche puntuali alle Dote impresa per renderla più efficace e fruibile: come l’aumento degli incentivi per le assunzioni e i rimborsi delle indennità di tirocinio, l’introduzione di nuove modalità di erogazione dei servizi formazione per le imprese e le cooperative di tipo B (finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate), e la semplificazione di alcune procedure.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner