Denuncia della CIA: ‘Uva egiziana da tavola, concorrenza sleale per la nostra agricoltura’

    106

     

    MILANO  Uva da tavola egiziana a prezzi stracciati sugli scaffali europei, con l’intermediazione dell’Olanda, nel pieno della raccolta tricolore. E’ l’allarme lanciato da Cia-Agricoltori Italiani per il mercato dei nostri grappoli, favorito dagli accordi Ue-Egitto che agevolano l’ingresso nel continente di uve dal Nord Africa. Successivamente, sono le piattaforme distributive olandesi a immetterla nel mercato a metà prezzo rispetto alle uve italiane, creando concorrenza “sleale” al nostro prodotto.
    “I prezzi delle uve egiziane sono, infatti, influenzati dal costo bassissimo della manodopera e mettono in grave difficoltà la filiera italiana, che ha oneri molto più elevati per l’incidenza del fattore lavoro e anche delle nuove operazioni messe in campo con le regole sanitarie post-Covid19, ma offre tutte le garanzie in termini di qualità”, sostiene la Cia.
    Articolo precedenteNovara, via a 1200 test sierologici. A Torino 1 positivo su 4.548
    Articolo successivoAbbiategrasso, in arrivo una nuova casa funeraria