Del Gobbo: “In Lombardia un vero Piano Marshall: 3 miliardi per la ripresa dell’economia”

67

MILANO – “Tre miliardi di euro, di cui 400 milioni pronti subito per opere di pubblica utilità: è la proposta di rilancio economico che ha votato ieri la giunta di Regione Lombardia. Un vero e proprio Piano Marshall per dare un aiuto concreto alla ripresa economica del nostro territorio”. Lo afferma Luca Del Gobbo, consigliere regionale di Noi con l’Italia.

“La proposta di legge stanzia questa mole di risorse da spalmare tra il 2020 e il 2022, ma già subito un pacchetto da 400 milioni di euro sarà a disposizione di Comuni e Province per opere pubbliche cantierabili entro il 31 ottobrestrade, scuole, viadotti, impianti sportivi, manutenzioni, prevenzione del dissesto idrogeologico e quanto è necessario alla ripartenza”.

Del Gobbo precisa che sul territorio della Città metropolitana di Milano “sono destinati 60,5 milioni di euro, di cui 4 per il capoluogo. Come tutte le altre aree della regione, anche l’ovest milanese, dunque, beneficerà di liquidità immediata (in allegato qui sotto le risorse per singolo comune). Come sempre – conclude l’esponente di Noi con l’Italia – Regione Lombardia parla con i fatti e attraverso la vicinanza concreta ai propri cittadini”.

 

COMUNI AREA OVEST CONTRIBUTI:

Abbiategrasso: 700mila euro

Albairate: 200

Arconate: 350

Arese: 500

Arluno: 500

Assago: 350

Bareggio: 500

Bernate Ticino: 200

Besate: 100

Boffalora Sopra Ticino: 200

Bubbiano: 100

Buccinasco: 700

Buscate: 200

Busto Garolfo: 500

Calvignasco: 100

Canegrate: 500

Casorezzo: 350mila euro

Cassinetta di Lugagnano: 100mila euro

Castano Primo: 500mila euro;

Cerro Maggiore: 500mila euro;

Cesano Boscone: 700mila euro;

Cisliano: 200mila euro;

Corbetta: 500mila euro;

Cornaredo:  700mila euro;

Corsico: 700mila euro;

Cuggiono: 350mila euro;

Cusago: 200mila euro;

Dairago: 350mila euro;

Gaggiano: 350mila euro;

Gudo Visconti: 100mila euro;

Inveruno: 350mila euro;

Lainate: 700mila euro;

Legnano: 1 milione di euro;

Magenta: 700mila euro;

Magnago: 350mila euro;

Marcallo con Casone:  350 mila euro;

Mesero: 200mila euro;

Morimondo: 100mila euro;

Motta Visconti: 350mila euro;

Nerviano: 500mila euro;

Nosate: 100mila euro;

Ossona: 200mila euro;

Ozzero: 100mila euro;

Parabiago: 700mila euro;

Pero: 500mila euro;

Pogliano Milanese: 350mila euro;

Pregnana Milanese: 350mila euro;

Rescaldina: 500mila euro;

Rho: 1 milione di euro;

Robecchetto con Induno: 200mila euro;

Robecco sul Naviglio: 350mila euro;

Rosate: 350 mila euro;

San Giorgio su Legnano: 350mila euro;

San Vittore Olona: 350mila euro;

Santo Stefano Ticino: 350mila euro;

Sedriano: 500mila euro;

Settimo Milanese: 700mila euro;

Trezzano sul Naviglio: 700mila euro;

Turbigo: 350mila euro

Vanzaghello: 350mila euro;

Vanzago: 350mila euro;

Vermezzo con Zelo: 350mila euro;

Villa Cortese: 350mila euro;

Vittuone: 350mila euro;

 

Articolo precedente‘++Gallera: ‘Commissariare la Lombardia? Rovesciamento della realtà’++
Articolo successivoLa Lombardia lancia i “Lombard Bond”