Dal nostro ‘inviato’ in Europa Massimiliano Fatone: conclusi i lavori alla Conferenza sul Futuro di Firenze

144

 

FIRENZE  Si sono conclusi positivamente i lavori dei panel che ha portato 200 cittadini europei a deliberare su democrazia/valori e diritti europei, stato di diritto, sicurezza. I lavori sono iniziati il 10 e sono appunto terminati il 12 dicembre.

 

Sono solo alcune delle  indicazioni emerse dai gruppi di discussione del terzo e conclusivo incontro del secondo panel dei cittadini della Conferenza sul Futuro dell’Europa, ospitato dall’Istituto universitario europeo di Fiesole(Firenze). Duecento cittadini partecipano all’iniziativa, volta a formulare raccomandazioni che saranno discusse dalla plenaria della Conferenza, promossa dall’Europarlamento, dal Consiglio Ue e dalla Commissione.
L’obiettivo era di arrivare alla definizione delle raccomandazioni dei cittadini da presentare alla sessione plenaria della Conferenza sul futuro dell’Europa che avverrà l’anno prossimo causa pandemia. In plenaria di oggi si sono deliberate la quasi totalità delle raccomandazioni (n. 42 su 3!) scaturite dai lavori già avviati in due precedenti sessioni – a Strasburgo il 24-26 settembre e online da casa il 12-14 novembre, all’interno del tema generale di alcuni “filoni” più specifici: la non discriminazione e la garanzia dei diritti; proteggere la democrazia e lo stato di diritto; riformare l’Ue; la costruzione dell’identità europea; rafforzare la partecipazione dei cittadini. Sono stati messi nero su bianco le raccomandazioni specifiche per le istituzioni europee che guidano il processo della Conferenza.
Lanciata nella primavera del 2021, la Conferenza sul futuro dell’Europa (CoFE) è un processo partecipativo pensato per riunire i cittadini di tutta Europa a discutere sulle sfide e le priorità dell’UE e per costruire insieme una visione futura. I quattro Panel dei cittadini europei sono, assieme alla piattaforma multimediale e multilingue, uno dei pilastri della Conferenza sul Futuro dell’Europa e sono organizzati congiuntamente dal Parlamento Europeo, Consiglio e Commissione per offrire ai cittadini un ruolo centrale nel plasmare il futuro dell’UE.
Il Panel, ospitato a Firenze, nella prestigiosa sede dell’Istituto Universitario Europeo, ha concentrato i nostri sforzi appunto sulla “democrazia europea/valori, diritti, stato di diritto, sicurezza”.
Il Panel ha rappresentato un’opportunità unica di partecipazione, soprattutto per i giovani, a cui sarà dedicato l’anno 2022, per dare loro un protagonismo nella costruzione di una nuova visione di Europa, che si adatti alle esigenze delle generazioni future.
Firenze si colloca inoltre al centro di un dibattito sul futuro dell’Unione che troverà il suo apice nel maggio 2022 con il Festival d’Europa. Nato nel 2011, il Festival è un programma di sette giorni di eventi diventato nel tempo un appuntamento imperdibile per chi vuole avere una visione delle politiche dell’Unione Europea ed essere attivamente impegnato nella partecipazione democratica, anche attraverso la comunità paneuropea insieme-per.eu.
Ringrazio tutti gli organizzatori dell’evento per l’esperienza unica, indimenticabile e significativa per il nostro futuro. Mi è stato permesso in questa Conference di conoscere persone brillanti, capaci e soprattutto ricche di amore per la propria terra, provenienti da tutti i paesi dell’Unione. Con alcuni “colleghi” italiani ho inoltre sperimentato il piacere della scoperta e dell’amicizia… Ringrazio in particolar modo Gigliola, Valentina, Valeria, Graziella, Giulia, Mariella, Francesco e Samuele (spero di essermeli ricordati tutti!) per avermi allietato le giornate nonostante la full immersion delle sessioni di lavoro! Spero che il rapporto di amicizia continui al di là delle distanze e del covid!
Massimiliano Fatone
Articolo precedenteMilano, Questore emette 47 Daspo urbani a parcheggiatori abusivi e balordi
Articolo successivoAbbiategrasso, dal 22 dicembre al 9 gennaio la mostra ‘Bethlehem reborn’