Dal Mississippi a Rescaldina. Sabato 27 maggio il blues-rock dei Wakonda a La TelaRE

    69

    Il duo composto da Valentina Romano e Matteo Finizio porta sul palco dell’osteria sociale le sonorità di Robert Johnson

     

    RESCALDINA – È il duo composto da Valentina Romano e Matteo Finizio l’ospite musicale di sabato 27 maggio al La Tela di Rescaldina. Sul palco dell’osteria sociale alle 21.45 sono attesi infatti i Wakonda, il progetto musicale nato dalla cantante, compositrice, autrice e chitarrista insieme con il chitarrista e arrangiatore. Romano e Finizio condividono una grande passione per la musica fin da quando erano piccoli e ne hanno fatto il filo conduttore della loro vita sia come artisti sia come insegnanti. E alla musica hanno voluto dedicare anche il nome del loro gruppo: Wakonda, termine che per gli Indiani d’America significa “Grande Spirito”, nasce proprio dal profondo interesse che Valentina ha per questa cultura, in cui la musica è considerata al pari di una religione.

    Il repertorio affonda le radici nel blues del Mississippi degli anni Trenta. Ispirandosi alle composizioni Robert Johnson, i Wakonda si sono aperti al rock facendosi influenzare nelle loro esecuzioni e nelle loro composizioni da Jimi Hendrix, Neil Young, Mavis Staples, Hank Williams, Seasick Steve. Nella loro carriera hanno abbinato una grande esperienza live partecipando a importanti Festival Blues, alla composizione. Risale al 2014 il loro primo album di canzoni inedite, autoprodotto, dal titolo “Pelle a fior di nervi”, con canzoni in italiano e in inglese, dalle influenze che spaziano dal Blues, al Rock, e al Cantautorato. Dopo il tour dell’anno scorso che li ha visti protagonisti in America, ha avuto inizio la produzione, con Etichetta Habanero Records, del disco “I say goodbye” (2017) registrato con il supporto di una band.
    Inizio del concerto alle 21.45. Ingresso libero.

    La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa ARCADIA insieme con altre associazioni del territorio. È diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

    Articolo precedenteDa Mabecart è già suonata la campanella! Offerta speciale scuola
    Articolo successivoVermezzo: domenica, arrivano ‘Le Strade del Teatro’