Dal liceo Bramante alla campagna elettorale: 30 anni dopo, Luca Del Gobbo e Luca Zeta…

    134

    Dai ruggenti anni Ottanta, passando per Radio Magenta, storia di un’amicizia che viene da lontano

     

    MAGENTA – “Sapete come la vorrei, Magenta? La vorrei come quando, negli anni Ottanta, si tornava dal Piranha e trovavamo i bar aperti, la gente in piazza, si parlava con gli amici fino a tardi..”

    Quando due settimane fa Luca Miramonti, in arte Luca Zeta (deejay e produttore musicale da molti anni), esordì con queste parole alla presentazione della civica di Marco Invernizzi (per cui è candidato alle Comunali dell’11 giugno) ci ispirò un moto di umana simpatia.

    Era una grande Magenta, quella cui Luca Zeta si riferisce: l’Antony di Pino Donatiello (aprì nel 1981), lo Schilling, il night bar dello stesso Donatiello, il Blue Harmony del compianto Eligio. 

    Una Magenta da bere, godereccia e spensierata. Negli anni Ottanta, sui banchi del Liceo Bramante, seppur in due diverse sezioni, condivisero gli anni della scuola due Luca: uno si chiamava Del Gobbo, e la politica gli scorreva già nel sangue (papà Mario era assessore comunale nelle fila della Democrazia Cristiana), l’altro Miramonti, e cominciava già a fare il deejay  nei locali della zona.

    Luca Del Gobbo e Luca Zeta si sono ritrovati giovedì scorso, a oltre 30 anni dai tempi del Bramante. Entrambi condivisero anche l’avventura di Radio Magenta, assieme ad un altro amico come Carlo Cassani (che oggi è una colonna dello staff di Luca Del Gobbo al Pirellone). Si sono rivisti e hanno parlato di quei tempi, così lontani eppure indimenticabili e leggiadri, come solo i 20 anni di ciascuno di noi sanno essere.

    Sostengono candidati diversi, ma entrambi condividono la stessa passione per Magenta, e vorrebbero che tornasse a splendere come faceva in quegli anni. Socialmente ed economicamente diversissimi, eppure portatori di una carica e di una tensione che oggi dovrebbe diffondersi come una scossa positiva.

    E chissà che non succeda.. Giovedì, assieme a Luca, c’era un altro Del Gobbo assieme a Luca Zeta: Cristiano, classe 1970, che ricorda anche lui- e molto bene- quel periodo che ci fa ancora battere forte il cuore, come dice la divina Virna Lisi in Sapore di Mare… E per fortuna che ci  batte ancora.

     

    F.P.

    Articolo precedenteMagenta, Rocco Morabito si ‘rimette in sella’ per Chiara Calati
    Articolo successivoAbbiategrasso, meno 13 alle elezioni: Granziero e i 5 punti, Porati pro Finiguerra, Nai e la risottata