Dal Governo 1 miliardo di euro per la Lombardia. Fontana: ‘Grazie a Massimo Garavaglia’

    156

     

    MILANO – “Nuove risorse per sistemare scuole, strade e infrastrutture: ringrazio il governo, in particolare il vice ministro all’economia Massimo Garavaglia, e i senatori Daisy Pirovano e Massimiliano Romeo che hanno presentato e fatto approvare un emendamento che sblocca un miliardo di euro per investimenti regionali”.

    Lo afferma in una nota il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana confermando “il positivo dialogo istituzionale intrapreso con l’avvio della nuova legislatura con Parlamento e Governo”. “Di fatto – spiega il presidente Fontana – possiamo utilizzare spazi finanziari già previsti nei tendenziali di finanza pubblica. Si consente altresì alle Regioni, entro il 30 settembre, di riaprire la cessione di ulteriori spazi finanziari a favore degli enti locali. Con questi fondi e con l’obiettivo di favorire la crescita in Lombardia investiremo sui territori i cosiddetti ‘avanzi di amministrazione’ per le Regioni e per gli Enti locali”.

    “Con l’assestamento di bilancio 2018 recentemente approvato in Consiglio regionale – ha rimarcato il presidente – avevamo già previsto lo stanziamento di oltre 88 milioni di euro. Faremo altrettanto col bilancio 2019, mettendo a disposizione del territorio lombardo 176 milioni di euro per la crescita e lo sviluppo”.

    “Nel milleproroghe sono stati sbloccati oltre due miliardi di euro per la spesa di investimenti a favore degli enti locali. Ripartirà così la spesa di investimento che negli ultimi anni si era drammaticamente ridotta a livello locale. In particolare, con queste risorse Comuni e Regioni potranno spendere i propri avanzi di amministrazione e in questo modo programmare velocemente e con semplicità i propri investimenti. Tradotto: si ritorna a sistemare scuole, strade e infrastrutture”ha confermato il viceministro all’Economia ed ex sindaco di Marcallo, Massimo Garavaglia.

    Articolo precedentePaolo Razzano a tutto campo (e senza filtri): dal Pd di Milano sino a Magenta
    Articolo successivoAddio a Jimmy il Fenomeno, caratterista ‘principe’ del cinema italiano