Da settembre arriveranno le prime “Torri Faro” a Ossona, Inveruno, Arluno, Magnago e Marcallo con Casone

184

MILANO – La Città metropolitana prosegue l’attività di rinnovamento tecnologico del territorio e di messa in sicurezza della propria rete stradale. A partire dal prossimo mese di settembre, infatti, la Città metropolitana avvierà l’installazione di alcune Torri Faro nelle rotatorie delle strade di sua competenza.  Le Torri Faro sono composte da tralicci raggiunti dalla fibra ottica, utili per diffondere i servizi wireless in modalità 5G e sono dotate di led di ultima generazione che hanno la caratteristica di illuminare
correttamente solo le corsie di circolazione, garantendo agli automobilisti elevati standard di comfort visivo e un’illuminazione uniforme, priva di zone d’ombra.


Con questa tecnologia all’avanguardia, la Città metropolitana di Milano prosegue nelle sue azioni a sostegno dell’ambiente e della valorizzazione del territorio. Le Torri Faro infatti riducono l’inquinamento luminoso (non illuminando la parte interna della
rotonda), producono un risparmio energetico e diffondono il 5G, attrezzando così il territorio metropolitano con delle infrastrutture tecnologiche innovative.
Si inizierà a settembre con l’installazione di cinque Torri Faro nei Comuni di Magnago, Carpiano, Arluno, Marcallo e Ossona/Inveruno. 
Entro aprile 2021 si prevede la realizzazione di quarantasei Torri Faro sparse su tutto il territorio metropolitano.
I costi di realizzazione delle Torri Faro sono a carico della rete di imprese di un project financing come la loro manutenzione per 9 anni (durata del project financing). Inoltre le Torri Faro genereranno delle entrate economiche per la Città metropolitana derivanti dall’affitto delle stazioni radio base agli operatori di telecomunicazioni. Una soluzione, quella delle Torri Faro, utile all’ambiente, all’innovazione tecnologica del territorio e al bilancio di Città metropolitana.

Articolo precedentePiù acqua nel lago Maggiore: scongiurata la crisi idrica, la soddisfazione del Parco Ticino
Articolo successivoDal governo 130.000,00 euro per riqualificare energeticamente l’Ufficio Tecnico Comunale di Parabiago