Da Robecco a Turbigo di corsa, in centinaia alla terza Naviglio Grande Run (VIDEO)

175

ROBECCO/TURBIGO Bellissimo percorso che attraversa tutta l’asse del Naviglio Grande. Giornata ideale, nemmeno tanto fredda, per correre e tanti atleti provenienti da Milano, dal veresotto e dal comasco a partecipare alla terza edizione della Naviglio Grande Run organizzata magistralmente anche questa volta da Davide Daccò. Partenza da Robecco sul Naviglio da via San Giovanni, vicino a Villa Terzaghi. Poche centinaia di metri e i runner hanno imboccato la strada alzaia del Naviglio Grande per raggiungere le frazioni magentine di Pontevecchio e Pontenuovo, proseguire alla volta di Boffalora sopra Ticino, Bernate, Castelletto di Cuggiono, Robecchetto e arrivare a Turbigo. Svolta a desta con salita finale e ultimi trecento metri di pianura per andare a prendere la medaglia ricordo della manifestazione. Tanti gli atleti provenienti da Milano, abbiamo detto. Tutti entusiasti del percorso che si immerge nella storia delle ville settecentesche, dei ponti che attraversano il canale, della natura.

Da Villa Castiglioni a Villa Giulini, alla Canonica di Bernate al bellissimo ponte di Castelletto e alla Villa Clerici. Dalla lcanca del Ticino a località Rubone. Quando si intravede la centrale di Turbigo vuol dire che all’arrivo mancano solo un paio di chilometri. “Anche quest’anno abbiamo avuto un’ottima partecipazione – ha commentato Davide Daccò – stiamo lavorando per migliorare sempre di più e proporre qualcosa di nuovo per le prossime edizioni”. Ad imporsi tra gli uomini è stato Abdeljabbar Hadouch in 58’13” che ha staccato di soli 4 secondi Andrea Astolfi, terzo Massimiliano Milani e quarto il magentino Nathan Baronchelli.

La boffalorese Claudia Gelsomino, reduce da un’annata fantastica, ha chiuso prima. “Ero partita con l’intenzione di fare un buon allenamento – ha commentato – Infatti non ho spinto al massimo, chiudendo in 1h09””. Seconda Chiara Milanesi e terza Donatella Vinci. Bellissima l’atmosfera che i runner hanno trovato a Turbigo con i mercatini di Natale, albero e presepe. Impeccabile l’assistenza dei volontari impegnati lungo il percorso e all’arrivo.

 

Articolo precedenteE’ ufficiale: The Kitchen sbarca a Magenta con ‘Pizza & Wine’ in via Garibaldi
Articolo successivoA Milano nuove ambulanze ‘nel segno’ di Nadia Toffa