Da Regione Lombardia 150mila euro contro la violenza sulle donne

183

 

MILANO   La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli, di concerto con l’assessore a Sicurezza, Polizia locale e Immigrazione, Romano La Russa, ha approvato la proroga, a seguito dello stanziamento di nuovo risorse pari a 150.000 euro, della linea di intervento ‘A scuola contro la violenza sulle donne’, volta a sostenere progetti per la promozione delle pari opportunità e per la prevenzione e il contrasto alla violenza maschile contro le donne rivolti ad alunni, insegnati delle scuole secondarie di primo e di secondo grado e alle loro famiglie.

“Regione Lombardia – ha sottolineato l’assessore – conferma gli impegni assunti per le politiche di parità, prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne, con gli obiettivi di rafforzare il ruolo strategico del sistema di istruzione e formazione. Le risorse stanziate serviranno a valorizzare le reti che si sono costituite in ogni provincia e che hanno l’obiettivo di sensibilizzare e formare studenti, docenti e genitori sul fenomeno della violenza contro le donne, portando avanti progetti ai quali le scuole lombarde, in questi anni, hanno aderito con entusiasmo”. “Con la proroga approvata oggi – ha aggiunto Locatelli – diamo dunque seguito a un’iniziativa che riteniamo molto preziosa per il contrasto alla violenza contro le donne, puntando su formazione e sensibilizzazione dei nostri ragazzi già dai banchi di scuola”.

“Risorse ben spese – ha dichiarato l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Romano La Russa – poiché il contrasto alla violenza sulle donne deve necessariamente iniziare dai banchi di scuola. La formazione diventa pertanto strategica e Regione Lombardia ha sempre ritenuto utile l’investimento in questi progetti”.

Articolo precedenteMicrocredito nel Legnanese, fino a 1000 euro per famiglie in difficoltà
Articolo successivoCultura ed eventi: Abbiategrasso punta un calendario condiviso, c’è tempo fino al 21 ottobre