Cusago, nel week end Festival del Benessere e inaugurazione dell’oasi La Cavetta

    175

     

    CUSAGO – Nella piazza e sui prati adiacenti al Castello Visconteo di Cusago, domenica 30 settembre per tutta la giornata avrà luogo il Festival del Benessere, una manifestazione dedicata interamente al Benessere e ai corretti stili di vita tramite diverse discipline olistiche. Parteciperanno circa 70 di espositori per presentare:  yoga, QI gong, shiatsu, tai-chi, riflessologia, posturometria, musica delle piante.

    Sono in programma una quindicina di relazioni specifiche in diverse sedi del centro storico come la Biblioteca, l’Aula consiliare del Comune e Studio Olistico di via Pascoli, e dimostrazioni pratiche di discipline poco conosciute come Quan ki do.
    Per tutta la giornata saranno attivi stand di “street food” dove degustare specialità locali e non solo.

    A cura della Banca del Tempo di Cusago, con il patrocinio del Comune di Cusago e del Parco Agricolo Sud Milano e l’adesione di Gruppo CAP, Fondazione Veronesi, AVIS e molti altri.
    In caso di pioggia l’evento verrà posticipato a domenica 7 ottobre.

    Il Festival sarà preceduto sabato 29 dall’inaugurazione dell’oasi naturalistica “La Cavetta” come “Punto Parco” del Parco agricolo Sud Milano.
    Alle 15.30 partenza a piedi o in bicicletta dalla poco distante piazza del Castello visconteo; alle 16 ‘taglio del nastro’ alla presenza delle autorità e rinfresco.

     

    Sempre alla Cavetta domenica 30 giornata solidale a favore della casa-famiglia Malaika Children, che ospita in Tanzania bambini e ragazzi in difficoltà; durante il pomeriggio mercato di artigianato tanzaniano, musica e balli.

     

     Cusago, con il suo antico Castello Visconteo, è parte integrante del Parco Agricolo Sud, istituito dalla Regione Lombardia nel 1990, che racchiude campi agricoli e aree verdi tra i più belli della zona meridionale di Milano.

    Articolo precedenteMagenta, 39enne scomparso a bordo di una bicicletta grigia: ricerche in corso
    Articolo successivoRoberto Formigoni e il reato di ‘amicizia’