Cusago/1, chiude la Rotork: 28 posti di lavoro a rischio

    109

     

    CUSAGO  La Rotork Gears, azienda che fa parte del gruppo multinazionale Rotork con sede in Inghilterra, leader nel settore della produzione di attuatori e controllo dei fluidi, ha annunciato la chiusura del sito produttivo di Cusago, aprendo la procedura di licenziamento collettivo per tutti i 28 dipendenti attivi nello stabilimento.

    Un fulmine a ciel sereno che arriva a due giorni dal termine del blocco dei licenziamenti: “Riteniamo inaccettabile la scelta dell’azienda- tuona Emanuela Morosi, sindacalista della Fiom meneghina- che, contravvenendo alla raccomandazione delle parti sociali con la presa d’atto del 29 giugno, decide di non utilizzare gli ammortizzatori previsti dalle norme vigenti in alternativa alla risoluzione dei rapporti di lavoro, come ad esempio la Cigs”.
    Una notizia “che ha colto tutti i lavoratori di sorpresa”, sebbene comunque “fossero consapevoli del periodo di crisi che la società stava attraversando”, aggravato dalla pandamia che ha colpito in modo particolare il settore ‘Oil & Gas’, quello in cui opera la Rotork Gears. “Non solo non si è investito per consentire la ripresa del sito- spiegano dalla Fiom- ma anzi, non più di un mese fa, si è razionalmente provveduto ad eliminare una parte produttiva dell’azienda attraverso una cessione di ramo ad una società controllata”.
    Il primo tavolo tra azienda e lavoratori è fissato per il 7 luglio prossimo. In quella sede le sigle sindacali chiederanno alla proprietà “di trovare soluzioni alternative” al licenziamento, “così come ha invitato a fare Confindustria”. Se la risposta non sarà positiva, minacciano dalla Fiom, “siamo già pronti a intraprendere iniziative di mobilitazione”.

    Articolo precedenteCaso Benusiglio: Marco Venturi chiede rito abbreviato, processo riparte a settembre
    Articolo successivoLa nostra Bullona, di Emanuele Torreggiani