Cuggiono, carenza dei medici di base: via alla raccolta firme

    103

    Riceviamo e pubblichiamo

    Medici di base

    Vanno reintegrati al più presto

    Facciamoci sentire

    Firma anche tu!

     

    CUGGIONO  E’ grave che a distanza di 3 settimane dall’aver evidenziato l’eventualità che 3000 cittadini di Cuggiono rimangano senza medico di base, da Regione e ATS non si abbiano ancora risposte concrete sulla sostituzione dei medici che andranno in pensione a fine giugno.

    Oggi tutti affermano la necessità di ricostruire la medicina territoriale, da tempo depotenziata in favore di strutture ospedaliere di grandi dimensioni.

    Ma questo tipo di medicina parte proprio dalla adeguata presenza di medici di base e dal rilancio di ospedali come il nostro.

    Cuggiono, 8300 abitanti, non può rimanere con solo due medici.

    Il tempo stringe, fine giugno si avvicina ed è importante farci sentire.

    Ecco perché lanciamo questa raccolta firme che chiediamo a tutti i cittadini di sottoscrivere.

    Chiediamo a tutti gli esercizi pubblici e a tutte le realtà sociali di collaborare al fine che la raccolta abbia il maggior risultato in tempi brevi.

    Ben sapendo degli sforzi dell’Amministrazione Comunale di incentivare l’arrivo di nuovi medici attraverso facilitazioni nell’utilizzo della struttura di Palazzo Kuster, chiediamo a ogni forza politica presente in paese di attivarsi presso i propri rappresentanti in Regione affinché il risultato di avere un numero adeguato di medici sia raggiunto e che l’ospedale di Cuggiono eserciti al meglio le sue funzioni.

    Cuggiono, 8 giugno 2021

    ACLI, AIDO, AVIS, CENTRO SOCIALE, ECOISTITUTO TICINO, INSIEME, AZZURRA SOCCORSO, CARITAS.

    ………………………………………………………………………………………………………………

    Oggi verranno distribuiti i moduli negli esercizi pubblici. Banchetti raccolta firme sabato al mercato e domenica in piazza San Giorgio. 

    Se vuoi dare una mano rispondi a questa mail 

    Articolo precedente‘++Turbigo-Galliate, il ponte sul Ticino chiude alle auto dal 12 giugno al 30 settembre
    Articolo successivo‘Je suis Venturì’. Magenta, gli amici di Massimo non dimenticano